News

News su Donazione e animus donandi

Donazione indiretta e comunione legale tra coniugi

20 Luglio 2021 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Donazione e animus donandi

In tema di comunione legale tra i coniugi, in presenza di un accertamento di fatto che confermi la provenienza donativa non di tutto, ma soltanto di una parte del denaro utilizzato per l’acquisto di un bene, quest’ultimo deve ritenersi di proprietà esclusiva del donatario soltanto per la parte del suo valore effettivamente corrispondente all’entità della donazione ricevuta, e non invece per l’intero, restando la residua parte del valore del cespite, non acquistata con denaro personale dell’intestatario, soggetta al regime della comunione legale tra coniugi.

Leggi dopo

Convalida della donazione nulla mediante esecuzione volontaria

18 Aprile 2018 | di Eleonora Mattioli

Cass. civ.

Donazione e animus donandi

La convalida della donazione nulla da parte degli eredi del donante, esige la volontà di attribuire efficacia all’atto invalido e la conoscenza della causa di invalidità. La manifestazione di tale volontà, tuttavia, non richiede l’adozione di formule sacramentali ed è anzi implicita nell’esecuzione volontaria della liberalità nulla da parte di chi conosceva la causa invalidante. In ogni caso, se la convalida avviene mediante atto formale, quest’ultimo deve contenere i requisiti di cui all’art. 1444 c.c., ossia l’indicazione del negozio invalido e della causa di invalidità, nonché la dichiarazione che si intende convalidarlo.

Leggi dopo

Per contestare la donazione è sufficiente la momentanea alterazione delle facoltà mentali del donante

03 Agosto 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Oristano

Donazione e animus donandi

Per contestare la validità di una donazione è sufficiente che, al momento del compimento dell’atto, il donante si sia trovato in uno stato, permanente o temporaneo, di alterazione delle facoltà mentali, a condizione che risulti, comunque, grandemente diminuita la sua capacità di determinarsi coscientemente al compimento dell’atto.

Leggi dopo