Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

L’ordine di pagamento diretto dopo l’intervento della L. n. 219/2012.

10 Aprile 2015 | di Alessandro Simeone

Trib. Milano

Garanzie: ordine di pagamento diretto

Anche dopo l’intervento della L. n. 219/2012, l’ordine di pagamento diretto, ex art 156, comma 6, c.c. è applicabile a garanzia dell’assegno di mantenimento per i figli di genitori separati

Leggi dopo

Separazione senza addebito e (mancato) riconoscimento dei diritti successori di abitazione e uso

09 Aprile 2015 | di Corrado De Rosa

Cass. civ.

Diritti di uso e abitazione

I diritti d'abitazione della casa adibita a residenza familiare e d'uso dei beni che la corredano, avendo ad oggetto l'immobile in concreto adibito a residenza familiare dai coniugi, non spettano al coniuge separato senza addebito

Leggi dopo

Modalità di adempimento dell’obbligo di mantenimento dei figli

08 Aprile 2015 | di Laura Maria Cosmai

Cass. civ.

Assegno di mantenimento per i figli

Il giudice deve stabilire la misura e il modo con cui il coniuge non affidatario deve contribuire al mantenimento dei figli e può provvedervi d’ufficio a tal fine non essendo vincolato dalle domande delle parti o dagli accordi tra le stesse eventualmente intervenuti.

Leggi dopo

Maternità surrogata: Strasburgo riconosce lo status di figlio legittimo

19 Marzo 2015 | di Redazione Scientifica

Corte EDU

Maternità surrogata

Pronunciandosi su due casi riguardanti il rifiuto di concedere il riconoscimento legale in Francia di una filiazione legalmente riconosciuta negli Stati Uniti

Leggi dopo

Il reclamo avverso le ordinanze di modifica ex art. 709 c.c.

19 Marzo 2015 | di Alessandro Simeone

Cass. civ.

Reclamo contro le ordinanze presidenziali e le ordinanze del G.I.

E' inammissibile il reclamo, tanto davanti alla Corte d’Appello, quanto davanti al Tribunale, contro le ordinanze del giudice istruttore, in materia di revoca o modifica dei provvedimenti temporanei ed urgenti nell'interesse della prole e dei coniugi, emessi dal Presidente del Tribunale ai sensi dell'art. 708 comma 3 c.p.c.; conseguentemente va dichiarato inammissibile il regolamento di competenza d'ufficio proposto dalla Corte d’Appello, cui era stato rimesso dal Tribunale, per competenza, il reclamo avverso tali provvedimenti.

Leggi dopo

Pagine