Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il diritto al rispetto della vita familiare va garantito anche alla madre straniera

27 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Cittadinanza

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha chiarito che la decisione olandese di rifiutare il permesso di soggiorno ad una madre, cittadina del Suriname, coniugata con un cittadino olandese, ha violato l’articolo 8 CEDU (diritto al rispetto della vita familiare)

Leggi dopo

Sottrazione internazionale di minori: occorre rapidità nell’attuazione delle misure di ritorno

26 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Sottrazione internazionale di minorenni

La Corte europea dei diritti dell’uomo si è occupata di un caso di sottrazione internazionale di minori, prelevati dalla madre dall’Italia e condotti in Ungheria

Leggi dopo

Negozio destinatorio puro, bisogni della famiglia e analogia con il fondo patrimoniale in tema di esecuzione immobiliare

26 Maggio 2015 | di Corrado De Rosa

Trib. Reggio Emilia

Vincolo di destinazione

La recentissima pronuncia, per quanto sinteticamente, esamina tre temi particolarmente rilevanti: l’autodestinazione, l’interesse meritevole di tutela e l’onere della prova circa l’estraneità del credito rispetto alle finalità della destinazione

Leggi dopo

Il ritardo nell’attuazione delle misure di affidamento del minore è contrario alla CEDU

25 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Affidamento esclusivo

La Corte europea ha affrontato la questione della mancata esecuzione di una sentenza nazionale che aveva disposto che il figlio minore dovesse essere affidato alla madre, la ricorrente, cittadina russa

Leggi dopo

Crediti alimentari: no automatismi nelle misure restrittive alla libertà di circolazione

25 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Alimenti

La Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata in relazione all’art. 2, Prot. 4 CEDU (libertà di circolazione), stabilendo che contrastano con la CEDU le misure restrittive della libertà di circolazione, quale il ritiro del passaporto, decise dalle autorità italiane nei confronti di un individuo debitore di assegni familiari

Leggi dopo

Responsabilità genitoriale: via libera alla proroga di competenza anche in mancanza di un altro procedimento già pendente

22 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte di Giustizia UE

Responsabilità genitoriale: risoluzione delle controversie

La domanda di rinvio pregiudiziale si inquadra in una controversia tra una coppia non coniugata relativa all’affidamento dei due figli minori, nati nella Repubblica ceca e cittadini di tale Stato, conviventi con la madre in Austria

Leggi dopo

Il cambiamento di sesso realizza il diritto all’autodeterminazione

22 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Rettificazione di sesso

La ricorrente è una cittadina turca che decide di sottoporsi, nel proprio ordinamento, ad un’operazione chirurgica per cambiare sesso.

Leggi dopo

Il diniego di rilascio del passaporto non può essere fondato sul mero inadempimento dell’obbligo di mantenimento dei figli

21 Maggio 2015 | di Giuseppe Fiengo

Corte EDU

Alimenti

Costituisce violazione del diritto di lasciare liberamente qualsiasi Paese (art. 2.2 Protocollo addizionale n. 4 alla CEDU) il rifiuto automatico (senza cioè valutazione della proporzionalità della misura rispetto alle circostanze del caso concreto) e protratto per un tempo indeterminato del rilascio di un documento valido per l’espatrio a causa del mancato pagamento dell’assegno di mantenimento in favore dei figli

Leggi dopo

Non è necessaria l’effettiva comunanza di vita coniugale con il cittadino dell’Unione per essere titolare di un diritto derivato di soggiorno

21 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte di Giustizia UE

Cittadinanza

Il rinvio pregiudiziale ha origine da una domanda di risarcimento danni presentata dal sig. Ogieriakhi, cittadino nigeriano coniugato all’epoca dei fatti con una cittadina francese, a causa dell’asserita mancanza del corretto recepimento, da parte dell’Irlanda, della direttiva 2004/38/CE del 29 aprile 2004

Leggi dopo

Embrione umano: brevettabilità dei “partenoti” solo in assenza di «capacità intrinseca di svilupparsi in essere umano»

21 Maggio 2015 | di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Corte di Giustizia UE

Embrione

Nell’ambito di una controversia nazionale concernente la registrazione di brevetti per invenzioni comprendenti la produzione di linee di cellule staminali pluripotenti da ovociti non fertilizzati ma attivati tramite partenogenesi (“partenoti”), si è posto il problema del diniego di tale registrazione

Leggi dopo

Pagine