Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Assegno divorzile e una tantum

Revoca di assegno divorzile: può presumersi che il beneficiario lavori?

17 Aprile 2018 | di Valeria Mazzotta

Trib. La Spezia

Assegno divorzile e una tantum

Nel corso di un procedimento instaurato per la revisione delle condizioni di divorzio, l'ex marito chiedeva al Tribunale di La Spezia la revoca dell'assegno a favore dell'ex moglie, sul presupposto che fosse inverosimile che la medesima non fosse riuscita a reperire un'attività lavorativa anche oltre vent'anni dopo la separazione. L'ex moglie si costituiva chiedendo la conferma dell'assegno divorzile nonché l'attribuzione di una percentuale del TFR percepito dall'ex coniuge.

Leggi dopo

Sì all'assegno divorzile per l'ex moglie non più giovane che non ha una stabile soluzione abitativa

06 Aprile 2018 | di Antonio Scalera

Trib. Milano

Assegno divorzile e una tantum

La pronuncia del Tribunale di Milano in commento ha ad oggetto il diritto all'assegno divorzile a favore dell'ex moglie che percepisce un reddito da lavoro modesto e che non dispone di una stabile soluzione abitativa, alla luce del nuovo orientamento giurisprudenziale inaugurato da Cass. civ., 10 maggio 2017, n. 11504.

Leggi dopo

Assegno divorzile per garantire una esistenza libera e dignitosa

19 Marzo 2018 | di Gustavo Danise

Trib. Milano

Assegno divorzile e una tantum

La sentenza del Tribunale di Milano in commento si colloca nel nuovo orientamento giurisprudenziale che ha accolto e applicato in via immediata i principi della sentenza Grilli; infatti, il Collegio milanese si è attenuto alla duplice fase di giudizio; la prima e preliminare fase sull'an del diritto all'assegno divorzile; e solo all'esito positivo, la seconda fase, successiva e conseguenziale, sul quantum.

Leggi dopo

Assegno divorzile: il Tribunale di Roma tra vecchi e nuovi criteri di liquidazione

02 Febbraio 2018 | di Antonio Scalera

Trib. Roma

Assegno divorzile e una tantum

Alla luce del nuovo orientamento giurisprudenziale inaugurato da Cass. civ., 10 maggio 2017, n. 11504, sussiste il diritto dell'ex moglie all'assegno divorzile, sebbene la stessa disponga di un cospicuo patrimonio immobiliare?

Leggi dopo

Sospensione della provvisoria esecutività della sentenza di primo grado che nega l'assegno divorzile

26 Gennaio 2018 | di Francesca Tizi

App. Milano

Assegno divorzile e una tantum

La Corte di appello di Milano, con la sentenza in commento, ha provveduto alla parziale sospensione della provvisoria esecutività della sentenza di divorzio con cui il Tribunale di primo grado aveva respinto la domanda di assegno divorzile, disponendo la riviviscenza, sino alla definizione del giudizio di appello, delle condizioni della separazione consensuale.

Leggi dopo

Negato l’assegno richiesto trent’anni dopo il divorzio

23 Gennaio 2018 | di Annamaria Fasano

Cass. civ.

Assegno divorzile e una tantum

Alla luce dei nuovi indici individuati dalla giurisprudenza di legittimità con la sentenza Cass. civ., n. 11504/2017, il Giudice può accogliere la richiesta di assegno divorzile proveniente dall'ex coniuge dopo molti anni dal divorzio, posto che nell'immediatezza la parte non aveva ritenuto di avanzare alcuna richiesta?

Leggi dopo

Revoca dell'assegno divorzile e restituzione delle somme percepite a tale titolo

15 Gennaio 2018 | di Marta Rovacchi

App. Milano

Assegno divorzile e una tantum

Con la sentenza in commento, la Corte d'appello di Milano applica i nuovi criteri elaborati dalla Corte di Cassazione in tema di assegno divorzile, per cui, diversamente dall'assegno di mantenimento, il tenore di vita goduto dai coniugi in costanza di matrimonio non deve più essere considerato quale parametro per affermare il diritto all'assegno, dovendosi verificare esclusivamente l'adeguatezza dei mezzi a disposizione del coniuge richiedente o la sua impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive.

Leggi dopo

Assegno divorzile: per valutare l'indipendenza economica si deve tenere conto delle peculiarità del caso concreto

09 Gennaio 2018 | di Cristina Ravera

Trib. Roma

Assegno divorzile e una tantum

In tema di assegno divorzile, dopo la pronuncia della Cassazione del 10 maggio 2017, n. 11504, come deve essere valutata la indipendenza economica del coniuge richiedente l'assegno divorzile? L'indipendenza economica va intesa come la capacità di procurarsi mezzi di sostentamento ovvero come la capacità di produrre un reddito adeguato alla condizione sociale del richiedente?

Leggi dopo

Superato il criterio del tenore di vita anche in sede di revisione dell'assegno

05 Settembre 2017 | di Sabina Anna Rita Galluzzo

Cass. civ.

Assegno divorzile e una tantum

La questione affrontata dalla Corte di cassazione ruota intorno alla definizione dei “mezzi adeguati”, ex art. 5 l. n. 898/1970, la cui mancanza fa sorgere il diritto all'assegno divorzile.

Leggi dopo

Pronuncia di divorzio e delibazione di sentenza ecclesiastica: come renderle compatibili

17 Luglio 2017 | di Edoardo Rossi

Trib. Genova

Assegno divorzile e una tantum

Il Tribunale di Genova si pronuncia sulla complessa tematica dei rapporti tra la sentenza di divorzio e la sentenza di delibazione della pronuncia ecclesiastica di nullità del matrimonio.

Leggi dopo

Pagine