Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La prolungata convivenza come coniugi impedisce la delibazione di sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

09 Ottobre 2015 | di Alberto Figone

Cass. civ.

Delibazione di sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio ed effetti

La “convivenza come coniugi”, protrattasi per almeno un triennio dalla data di celebrazione del matrimonio concordatario, impedisce la delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del vincolo, purché ritualmente eccepita nel giudizio davanti alla Corte d’appello e comprovata, ovvero non contestata dall’altra parte.

Leggi dopo

La funzione del processo minorile in caso di assoluzione dell’imputato

05 Ottobre 2015 | di Luca Villa

Trib. min. Bologna

Processo penale minorile

L’art. 1, comma 2, d.P.R. n. 448/1988 individua nel “giudice” il soggetto deputato all’illustrazione all’imputato minorenne del significato dei vari passaggi procedimentali, nonché le ragioni delle decisioni. Complesso è individuare le modalità con le quali illustrare al giovane il contenuto della decisione assolutoria, specie se – come nel caso in esame – la stessa sia frutto di passaggi giuridici articolati, che non possono essere illustrati verbalmente, salvo una comprensione sommaria, all’esito della lettura del dispositivo dibattimentale.

Leggi dopo

Casa familiare: l'assegnazione è opponibile anche ai terzi che abbiano acquistato prima del provvedimento del Giudice

29 Settembre 2015 | di Andrea Gragnani

Cass. civ.

Casa familiare: assegnazione

Il convivente è detentore qualificato dell’immobile ed esercita il diritto di godimento su di esso in posizione del tutto assimilabile al comodatario, anche quando proprietario esclusivo sia l’altro convivente, che assume quindi la posizione di comodante.

Leggi dopo

Competenza del tribunale ordinario e tribunale per i minorenni in merito alla responsabilità genitoriale

25 Settembre 2015 | di Martina Botton

Trib. Milano

Responsabilità genitoriale: decadenza e limitazioni

Il Tribunale di Milano, nella decisione in esame, applicando quanto espressamente previsto dal Legislatore per l'ipotesi di procedimenti di cui all'art. 330 c.c. non ha riconosciuto l'applicazione della c.d. competenza per attrazione del Tribunale ordinario, nonostante i coniugi avessero prestato acquiescenza ai provvedimenti emessi dal Tribunale per i Minorenni in merito all'affido e al collocamento dei minori.

Leggi dopo

Negoziazione assistita: l’omologazione degli accordi della separazione consensuale

22 Settembre 2015 | di Laura Maria Cosmai

Trib. Pistoia

Negoziazione assistita

A pochi mesi dall’entrata in vigore della l. n. 162/2014 il caso in esame impone una riflessione sulla natura del procedimento di negoziazione assistita e in particolare sulle sorti che il predetto procedimento è destinato ad assumere in caso di diniego di autorizzazione da parte del Procuratore della Repubblica.

Leggi dopo

L’interesse del minore a mantenere un rapporto significativo con il genitore sociale

17 Settembre 2015 | di Giulia Sapi

App. Palermo

Responsabilità genitoriale: omogenitorialità

La decisione in esame fa seguito ad una pronuncia del Tribunale di Palermo che aveva fatto scalpore avendo, per la prima volta, regolamentato il diritto di visita di una madre c.d. sociale nei confronti dei figli minori della sua ex compagna nell’ambito di un giudizio ex artt. 337-bis ss. c.c..

Leggi dopo

Corte di Strasburgo e maternità surrogata all’estero: rispetto del limite dell’ordine pubblico o tutela del superiore interesse del minore?

15 Settembre 2015 | di Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Maternità surrogata

La Corte europea ha statuito che viola l’art. 8 CEDU (diritto al rispetto della vita privata e familiare) la decisione delle autorità di uno Stato membro di allontanare il minore nato all’estero ricorrendo alla maternità surrogata dalla coppia che è ricorsa a tale tecnica per il concepimento, anche quando il minore non abbia alcun legame genetico con il padre e la madre committenti.

Leggi dopo

Spese straordinarie per i figli: no all’assegno onnicomprensivo

10 Settembre 2015 | di Marta Rovacchi

Cass.

Assegno di mantenimento per i figli

Il tema affrontato dalla Suprema Corte è quello delle spese straordinarie per i figli che è noto essere sovente causa di conflitti e dispute tra i coniugi, anche successivamente ad un accordo separativo. Non avendo, infatti, il legislatore provveduto a qualificarle specificatamente né sotto il profilo giuridico né sotto quello sostanziale, la regolamentazione della distribuzione e della caratterizzazione delle stesse è da sempre affidata alla prassi ed ai protocolli...

Leggi dopo

Il mantenimento degli effetti del matrimonio in caso di rettifica del sesso di un coniuge

08 Settembre 2015 | di Stefano Molfino

Cass. civ.

Rettificazione di sesso

Da tempo sia la Corte Costituzionale, sia la Corte di Cassazione, sostengono che i concetti di famiglia e matrimonio debbano essere interpretati secondo «non soltanto le trasformazioni dell’ordinamento, ma anche l’evoluzione della società e dei costumi». Con altrettanta fermezza, i Giudici delle leggi e di legittimità ribadiscono che il modello di matrimonio sia quello eterosessuale, cristallizzato nell’art. 29 Cost. e fondato sui principi mutuati a suo tempo dal codice civile del 1942.

Leggi dopo

Amministrazione di sostegno e impugnazione dei provvedimenti emessi dal Giudice Tutelare

04 Settembre 2015 | di Laura Maria Pietrasanta

App. Bologna

Amministrazione di sostegno

La maggior parte della giurisprudenza di questi ultimi anni – tra cui la sentenza in commento - ha affermato che, dal combinato disposto degli artt. 720-bis e 739 c.p.c., deriva che il reclamo in Corte di Appello si riferisce solamente a quei provvedimenti del Giudice Tutelare che determinano l’apertura o la chiusura dell’amministrazione di sostegno - provvedimento decisorio -.

Leggi dopo

Pagine