Focus

Focus su Assegno divorzile e una tantum

L’una tantum divorzile e i criteri per calcolarla

08 Marzo 2016 | di Alessandro Simeone

Assegno divorzile e una tantum

Ai sensi dell’art. 5 l. n. 898/1970, l’assegno periodico mensile di divorzio può essere sostituito, su accordo delle parti, da una prestazione “una tantum” che, per essere tale, deve essere giudicata “equa” dal Tribunale. Non esistono riferimenti normativi né precedenti giurisprudenziali che possano orientare l’operatore nel calcolare l’importo dell’una tantum che deve essere oggetto di trattativa tra le parti.

Leggi dopo

Pagine