Focus

Focus su Maternità surrogata

Maternità surrogata all'estero: la tutela del genitore intenzionale alla luce dei recenti sviluppi giurisprudenziali

02 Gennaio 2020 | di Ida Parisi

Maternità surrogata

Spesso, nell'ambito di un percorso di maternità surrogata intrapreso all'estero, la posizione del genitore intenzionale non geneticamente connesso al minore, nonché il riconoscimento dei suoi diritti parentali, sono subordinati all'applicazione del limite costituito dall'ordine pubblico, nonché alla mutevolezza dell'interpretazione che, nel tempo, la giurisprudenza ha fornito di questa nozione. L'Autore analizza l'evoluzione del concetto di ordine pubblico alla luce dei nuovi orientamenti giurisprudenziali, ponendo l'accento sulla diversa ricostruzione effettuata rispettivamente dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e dalla Corte di Cassazione.

Leggi dopo

La Corte costituzionale e la filiazione nella maternità surrogata. Bilanciamenti tra legalità e best interest

03 Luglio 2018 | di Valeria Montaruli

Maternità surrogata

Nella delicata e complessa materia della filiazione nella maternità surrogata, la Corte costituzionale con sentenza n. 272/2017 in materia di azioni demolitorie dello status, è intervenuta sul rapporto tra il principio del favor veritatis e l'interesse del minore, anche se non chiarisce entro quali limiti la valutazione concreta di tale interesse abbia uno spazio autonomo rispetto all'accertamento del legame biologico. L'Autore si sofferma sulle implicazioni di tale pronuncia nelle future evoluzioni della giurisprudenza di merito, cui è demandato il difficile compito di effettuare in concreto tale operazione di bilanciamento.

Leggi dopo

Riflessi penali della surrogazione di maternità effettuata all'estero

15 Marzo 2017 | di Giuseppe Marra

Maternità surrogata

La permanenza del divieto penale di pratiche di surrogazione di maternità ha spinto molte coppie a cercare di aggirare la legge italiana recandosi in quei Paesi dove tale pratica è invece consentita, per poi chiedere la trascrizione nei registri dello Stato Civile italiano dell'atto di nascita formatosi all'estero, secondo la legge della Stato ove è avvenuta la procreazione, in cui i soggetti committenti risultano gli unici genitori. Di seguito si analizzano i riflessi penali di siffatte condotte, anche alla luce della giurisprudenza di legittimità ancora oscillante.

Leggi dopo

La maternità surrogata negli Stati europei ed extraeuropei

24 Aprile 2015 | di Marta Rovacchi

Maternità surrogata

La surroga di maternità è un accordo ai termini del quale una donna (madre surrogata) porta in gestazione un bambino per conto di un’altra donna (madre committente) alla quale si impegna di consegnarlo appena nato. L'embrione impiantato nella madre surrogata deriva di solito da fecondazione, omologa o eterologa, dell’ovocita della committente, ma non è escluso che l’ovocita fecondato appartenga alla surrogata o addirittura ad una terza donna, donatrice. In altre parole, si tratta di accordo fra soggetti privati in forza del quale una donna (la gestante sostitutiva o madre surrogata) si impegna nei confronti di un altro soggetto o di altri soggetti (un uomo, una donna, una coppia, sia questa legalmente riconosciuta o meno) a sottoporsi a fecondazione artificiale, a condurre la gravidanza e a partorire un bambino che sarà “consegnato” al committente ovvero ai committenti e rispetto al quale essa si impegna a non vantare né esercitare alcun ruolo genitoriale. Le legislazioni internazionali e nazionali, attraverso le interpretazioni delle pronunce di legittimità e di merito si sono trovate a dovere affrontare l’inquadramento dello status filiationis discendente dal ricorso alla tecnica della maternità surrogata da parte di sempre più numerose coppie.

Leggi dopo