Come si modificano i provvedimenti familiari

 

I provvedimenti relativi ai procedimenti familiari sono tutti caratterizzati dalla regola del c.d. giudicato rebus sic stantibus. Essi non sono dunque modificabili nel corso del tempo, in funzione delle modifiche fattuali intervenute rispetto al momento di emissione del provvedimento di cui si chiede il mutamento. Le modifiche delle condizioni della separazione, del divorzio, dello scioglimento dell'unione civile possono essere frutto di accordo tra le parti oppure dare origine a un procedimento contenzioso, retto dalle regole del rito camerale, che ci conclude con un provvedimento reclamabile alla Corte d'appello competente, ex art. 739 c.p.c., entro 10 giorni dalla notificazione ad opera della parte oppure nell'ordinario termine semestrale.


Leggi dopo