Bussola

Successione legittima

Sommario

Inquadramento | I presupposti della successione legittima | Il fondamento della successione legittima | Le categorie dei successibili | La famiglia nel sistema attuale: il principio di unicità dello stato di figlio e i diritti dell'unito | I diritti di uso e abitazione nella successione legittima | Vocazioni legittime anomale | Casistica |

 

L'apertura della successione che, a norma dell'art. 456 c.c., coincide con il  momento della morte del defunto, costituisce il presupposto della delazione dell'eredità: nel definire le modalità con le quali può avvenire il passaggio generazionale della ricchezza ovvero, rectius, del fascio di situazioni giuridiche patrimoniali facenti capo al de cuius, il legislatore ha previsto, all'art. 457, comma 1, c.c., quali unici titoli di devoluzione dell'eredità, la legge ed il testamento, segnatamente prevedendo l'operatività della successione legittima quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria. Per una precisa scelta di politica legislativa, risulta espressamente esclusa (salve eccezioni di legge) la delazione di matrice contrattuale, stante il divieto dei patti successori di cui all'art. 458 c.c..   In evidenza La successione legittima costituisce la forma di delazione dell'eredità avente titolo nella legge, destinata a regolamentare la devoluzione del fascio delle situazioni giuridiche facenti capo al de cuius tutte le volte in cui manca, in tutto o in parte, una disciplina testamentaria.   La successione legittima deve essere distinta dalla successione necessaria che, prevedendo i diritti intangibili dei c.d. legittimari, costituisce un limite alla libera determ...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento