News

In caso di separazione consensuale il mantenimento non decorre dall’omologa

A.B. ricorre in Cassazione, deducendo la violazione e/o falsa applicazione dell'art. 158 c.c. art. 711 c.p.c., in quanto la Corte d'Appello di Perugia avrebbe errato nel statuire, nella fattispecie di separazione consensuale, la decorrenza dell'obbligo di pagamento dell'assegno di mantenimento a favore dei coniugi e dei figli «a far data dal deposito, presso la Cancelleria del Tribunale, del ricorso per separazione consensuale anziché dalla data di pubblicazione del provvedimento di omologazione da parte del Tribunale».

La doglianza è infondata. Nel caso di specie si è in presenza di un procedimento peculiare ma indispensabile per far valere un diritto, la cui fonte si trova nell'accordo tra i coniugi separandi, «destinato ad essere riconosciuto dall'ordinamento quale fonte regolatrice in pendenza della separazione, sia pure a condizione della sua successiva omologa: ed il tempo necessario affinchè il procedimento si concluda non può andare a detrimento di chi lo ha dovuto attivare».

Il Collegio, quindi, rigetta il ricorso sottolineando che: «l'assegno di mantenimento a favore del coniuge, fissato in sede di separazione personale consensuale in omologa di accordo che non ne preveda la decorrenza, è dovuto, sia pure a condizione che l'omologa intervenga e non disponga diversamente, fin dal momento del deposito del ricorso per separazione e non solo dalla data di pronuncia dell'omologa».

 

Fomte: dirittoegiustizia.it

 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >