Giurisprudenza commentata

Revoca dell'assegno divorzile e decorrenza della ripetibilità delle somme corrisposte

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Riferimenti | |

 

Il caso in esame concerne la ripetibilità di quanto corrisposto dall'ex coniuge all'altro a titolo di assegno divorzile, ove sia revocata l'originaria statuizione che lo aveva onerato in tal senso, e, nello specifico, il momento a decorrere dal quale opera tale ripetibilità nell'ipotesi in cui la Corte d'appello modifichi la decisione del Tribunale negando la sussistenza dei presupposti (invece riconosciuti da quest'ultimo) ex art. 5 l. n. 898/1970 c.c. per l'attribuzione di tale emolumento.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >