Casi e sentenze

Non è necessaria la nomina dell’ads per operare d’urgenza il paziente in stato confusionale

02 Maggio 2018 |

Trib. Modena

Amministrazione di sostegno

Deve essere rigettato il ricorso per nomina di amministratore di sostegno presentato dal medico ospedaliero a favore di soggetto che, dovendo essere sottoposto ad intervento non rinviabile, si trovi in stato confusionale e non sia in grado di assumere decisioni mediche corrette riguardo alla propria salute; in situazioni di emergenza ed urgenza come quella di specie, infatti, ai sensi dell'art. 1, comma 7, l. n. 219/2017, compete al medico provvedere ad assicurare le cure necessarie, prescindendo dal consenso informato.

Leggi dopo