News

News su Comunione legale: scioglimento

Scioglimento della comunione legale e condanna al pagamento della quota dei beni in essa già ricompresi

04 Settembre 2020 | di Alberto Figone

Cass. civ.

Comunione legale: scioglimento

La Corte di Cassazione ha affermato che il sopravvenuto scioglimento della comunione legale non impedisce ad uno dei coniugi, che abbia inizialmente chiesto, in via giudiziale, la condanna dell’altro...

Leggi dopo

Moglie preleva dal conto cointestato in prossimità della separazione: i soldi vanno restituiti?

27 Settembre 2017 | di Redazione Scientifica

Trib. Roma

Comunione legale: scioglimento

Il Tribunale di Roma ha ordinato alla moglie convenuta di restituire le somme prelevate dai conti correnti cointestati con il marito in prossimità della separazione giudiziale.

Leggi dopo

Sono esenti da imposta anche gli atti di divisione del bene comune collegati alla separazione

21 Ottobre 2016 | di Redazione Scientifica

CTP Avellino

Comunione legale: scioglimento

La CTP di Avellino si è pronunciata in merito all’applicabilità dell’esenzione fiscale prevista dall’art. 19 l. n. 74/1987 agli atti di divisione del bene comune, anche non temporalmente collegati alla separazione personale.

Leggi dopo

Scioglimento della comunione: l’assegnazione del diritto di proprietà fa venir meno il diritto di abitazione

20 Settembre 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Comunione legale: scioglimento

La Cassazione conferma l’orientamento secondo il quale il riconoscimento del diritto di proprietà al genitore affidatario, nel corso dello scioglimento di comunione ordinaria, fa venir meno il diritto di abitazione e, quindi, il conguaglio va calcolato sul valore della piena proprietà.

Leggi dopo

Nessun rimborso all’ex marito per il denaro speso per le migliorie sulla casa familiare in costanza di matrimonio

29 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Comunione legale: scioglimento

L’ex marito che abbia sostenuto, in costanza di matrimonio, delle spese per opere di manutenzione, addizioni e migliorie della casa adibita a residenza familiare, di proprietà esclusiva della moglie, non ha diritto ad alcun rimborso quando le predette opere siano avvenute in adempimento dell’obbligo di contribuzione di cui all’art. 143 c.c..

Leggi dopo