Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Amministrazione di sostegno e atti di liberalità: possibili limitazioni

05 Ottobre 2018 | di Rita Rossi

Cass. civ.

Amministrazione di sostegno

È possibile limitare, fino a impedirla, la capacità del beneficiario di compiere atti di donazione e di fare testamento? In caso di risposta affermativa, può il giudice tutelare disporre tali limitazioni anche d'ufficio?

Leggi dopo

Inefficace l’adozione piena disposta all’estero in violazione della legge italiana

03 Ottobre 2018 | di Giulia Sapi

Trib. min. Bologna

Adozione di minore di età

Il Tribunale per i minorenni di Bologna ha dovuto stabilire se potesse essere dichiarata efficace in Italia l’adozione piena (già legittimante) di un minore, pronunciata all’estero in ragione della cittadinanza straniera di uno dei due coniugi adottanti.

Leggi dopo

L'affidamento alternato: una scelta da compiere (solo) alla luce del concreto interesse dei minori

01 Ottobre 2018 | di Francesca King

Trib. Parma

Affidamento condiviso

L'affidamento alternato di un minore – inteso come suddivisione paritetica tra i genitori sia dei tempi di frequentazione sia delle responsabilità educative – quando non vi è un accordo tra i genitori, corrisponde all'interesse del minore? Quali sono i criteri in base ai quali deve compiersi questa valutazione?

Leggi dopo

Legge sul consenso informato: quali conseguenze in caso di contrasto tra ads e beneficiario sulle scelte terapeutiche?

28 Settembre 2018 | di Roberto Masoni

Trib. Vercelli

Amministrazione di sostegno

Il Tribunale di Vercelli ha fornito innovativa interpretazione dell'art. 3, comma 5, l. n. 219/2017, ravvisando una lacuna ordinamentale, laddove la neofita disciplina non prevede anche l'ipotesi dell'insorgenza di contrasto tra paziente e amministratore di sostegno, da sottoporre al vaglio del giudice tutelare.

Leggi dopo

Riconoscimento di figlio non matrimoniale: legge applicabile e ordine pubblico

26 Settembre 2018 | di Stefano Armellini

Trib. Milano

Riconoscimento del figlio

Qualora un padre, cittadino egiziano, debba procedere, in Italia, al riconoscimento della figlia, di cittadinanza domenicana, nata fuori dal matrimonio, quale legge si dovrà applicare?

Leggi dopo

Non è contraria all'ordine pubblico la sentenza straniera di divorzio senza separazione

24 Settembre 2018 | di Marta Rovacchi

Cass. civ.

Dichiarazione di efficacia delle sentenze straniere

Se una sentenza di divorzio viene pronunciata in un Paese il cui ordinamento non prevede l'istituto della separazione il suo riconoscimento in Italia è contrario all'ordine pubblico?

Leggi dopo

Risarcibile il danno da lesione del diritto di autodeterminazione in ordine al proprio ruolo genitoriale

20 Settembre 2018 | di Antonio Scalera

Trib. Torino

Risarcimento del danno endofamiliare

È risarcibile il danno patito dal marito a causa del fatto che la moglie gli aveva colposamente nascosto la possibilità di non essere il padre naturale della bambina nata nel corso del matrimonio?

Leggi dopo

Le spese per la scuola privata e per l’attività sportiva rientrano nelle spese straordinarie?

19 Settembre 2018 | di Martina Botton

App. Salerno

Esecuzione: spese straordinarie

Una delle questioni più discusse tra i genitori nel momento in cui si scioglie la famiglia, data l'assenza di una specifica definizione normativa in proposito, è quella di qualificare le spese sostenute per i figli come “ordinarie”, da ricomprendersi nell'assegno di mantenimento mensile, o “straordinarie”, non comprese nell'assegno medesimo.

Leggi dopo

Va mantenuto l'assegno divorzile in presenza di ingenti spese di cura

17 Settembre 2018 | di Sabina Anna Rita Galluzzo

Trib. Milano

Assegno divorzile e una tantum

Il Tribunale di Milano, prima della pubblicazione della sentenza delle Sezioni Unite n. 18287/2018 in tema di assegno divorzile, si è pronunciato in merito alla richiesta, presentata dall'ex marito, di revoca o modifica dell'assegno previsto a suo carico in favore dell'ex moglie affetta da sclerosi multipla.

Leggi dopo

L'interesse del minore prevale sul diritto del genitore a trasmettere al figlio il proprio credo religioso

14 Settembre 2018 | di Luca Dell'Osta

Cass. civ.

Affidamento condiviso

Nel determinare le modalità di affidamento dei figli, il criterio fondamentale cui deve attenersi il giudice è quello del superiore interesse del minore, che prevale sul diritto del genitore di comunicare al figlio il proprio credo religioso se quest'ultimo ne compromette la salute fisica.

Leggi dopo

Pagine