Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La Consulta riconosce l’accesso alla procreazione medicalmente assistita anche alle coppie fertili portatrici di malattie genetiche gravi

05 Novembre 2015 | di Silvia Veronesi

C. Cost.

Procreazione medicalmente assistita

La Corte Costituzionale si è pronunciata sulla questione di legittimità costituzionale degli artt. 1, commi 1 e 2, e 4, comma 1, l. 19 febbraio 2004, n. 40, nella parte in cui non consentono che anche le coppie fertili portatrici di patologie geneticamente trasmissibili gravi possano fare ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, in relazione alla violazione degli artt. 3 e 32 Cost.

Leggi dopo

La trascrizione del provvedimento di assegnazione della casa familiare e opponibilità ai terzi

02 Novembre 2015 | di Paola Maccarone

Trib. Bari

Casa familiare: trascrizione del provvedimento di assegnazione e opponibilità

Il Tribunale di Bari si è pronunciato sull'ammissibilità della richiesta di sospensione dell’efficacia esecutiva del decreto di trasferimento dell’immobile, nella parte in cui dispone l’ordine di cancellazione della trascrizione dell’atto di assegnazione della casa familiare, anche se cronologicamente successiva all’iscrizione di ipoteca.

Leggi dopo

Non può essere imposto a un genitore un percorso psicoterapeutico individuale e di sostegno alla genitorialità

28 Ottobre 2015 | di Anna Galizia Danovi

Cass. civ.

Affidamento condiviso

La prescrizione di un percorso psicoterapeutico individuale e di sostegno alla genitorialità da seguire in coppia esula dai poteri del giudice investito della controversia sull'affidamento dei minori. Ciò anche se viene disposta con la finalità del superamento di una condizione di immaturità della coppia genitoriale che impedisce un reciproco rispetto dei rispettivi ruoli.

Leggi dopo

No al doppio cognome anche se il padre riconosce il figlio successivamente

27 Ottobre 2015 | di Marta Rovacchi

Cass.civ.

Cognome

La questione dell'attribuzione del cognome nell'ipotesi del secondo riconoscimento ad opera del padre non ha subito, nell'evoluzione del quadro normativo, una sostanziale modifica, in quanto con il d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 è stato previsto che il figlio «può assumere il cognome del padre aggiungendolo, anteponendolo o sostituendolo a quello della madre».

Leggi dopo

Revocazione della sentenza di divorzio congiunto in caso di doloso occultamento dei redditi

23 Ottobre 2015 | di Valeria De Vellis

Cass.

Divorzio congiunto

Con il divorzio congiunto, così come con la separazione consensuale, si stipulano accordi di natura negoziale che, per i profili patrimoniali, si configurano come contratti, non rilevando che, in sede di divorzio, essi siano recepiti in una sentenza, necessaria solo per la pronunzia sullo status; il controllo del Giudice del divorzio sugli accordi rimane esterno.

Leggi dopo

Il beneficiario di amministrazione di sostegno conserva il diritto di chiedere la separazione dal coniuge

19 Ottobre 2015 | di Cristina Ravera

Trib. Milano

Amministrazione di sostegno

Il beneficiario di amministrazione di sostegno conserva il diritto di separarsi. La competenza funzionale ed esclusiva per la decisione in ordine alla designazione o meno di un curatore speciale al beneficiario che intende proporre la domanda di separazione (o di divorzio) compete al Giudice Tutelare..

Leggi dopo

La Cassazione riconosce il vincolo del trust autodichiarato e applica l’imposta all’8%

13 Ottobre 2015 | di Francesco Scarfò

Cass. civ.

Trust inter vivos con finalità successorie

L’atto denominato trust, funzionale, quoad effectum, all’applicazione di un regolamento equiparabile ad un fondo patrimoniale, va qualificato ai fini tributari come atto costitutivo di vincolo di destinazione, con le conseguenti assoggettabilità...

Leggi dopo

La prolungata convivenza come coniugi impedisce la delibazione di sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

09 Ottobre 2015 | di Alberto Figone

Cass. civ.

Delibazione di sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio ed effetti

La “convivenza come coniugi”, protrattasi per almeno un triennio dalla data di celebrazione del matrimonio concordatario, impedisce la delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del vincolo, purché ritualmente eccepita nel giudizio davanti alla Corte d’appello e comprovata, ovvero non contestata dall’altra parte.

Leggi dopo

La funzione del processo minorile in caso di assoluzione dell’imputato

05 Ottobre 2015 | di Luca Villa

Trib. min. Bologna

Processo penale minorile

L’art. 1, comma 2, d.P.R. n. 448/1988 individua nel “giudice” il soggetto deputato all’illustrazione all’imputato minorenne del significato dei vari passaggi procedimentali, nonché le ragioni delle decisioni. Complesso è individuare le modalità con le quali illustrare al giovane il contenuto della decisione assolutoria, specie se – come nel caso in esame – la stessa sia frutto di passaggi giuridici articolati, che non possono essere illustrati verbalmente, salvo una comprensione sommaria, all’esito della lettura del dispositivo dibattimentale.

Leggi dopo

Casa familiare: l'assegnazione è opponibile anche ai terzi che abbiano acquistato prima del provvedimento del Giudice

29 Settembre 2015 | di Andrea Gragnani

Cass. civ.

Casa familiare: assegnazione

Il convivente è detentore qualificato dell’immobile ed esercita il diritto di godimento su di esso in posizione del tutto assimilabile al comodatario, anche quando proprietario esclusivo sia l’altro convivente, che assume quindi la posizione di comodante.

Leggi dopo

Pagine