Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Amministrazione di sostegno e impugnazione dei provvedimenti emessi dal Giudice Tutelare

04 Settembre 2015 | di Laura Maria Pietrasanta

App. Bologna

Amministrazione di sostegno

La maggior parte della giurisprudenza di questi ultimi anni – tra cui la sentenza in commento - ha affermato che, dal combinato disposto degli artt. 720-bis e 739 c.p.c., deriva che il reclamo in Corte di Appello si riferisce solamente a quei provvedimenti del Giudice Tutelare che determinano l’apertura o la chiusura dell’amministrazione di sostegno - provvedimento decisorio -.

Leggi dopo

Il mancato riconoscimento legale delle coppie omoaffettive viola la Convenzione dei diritti dell’uomo

31 Agosto 2015 | di Giuseppe Buffone

Corte EDU

Matrimonio celebrato all’estero

La Corte di Strasburgo esordisce indagando l’esatto perimetro applicativo dell’art. 8 CEDU e ricordando che questa norma può anche imporre a uno Stato determinate obbligazioni positive per assicurare un effettivo rispetto dei diritti protetti.

Leggi dopo

Danno commesso dal minore: quando i genitori sono esonerati da responsabilità

28 Agosto 2015 | di Giosetta Pianezze

Trib. L'Aquila

Responsabilità civile dei genitori, dei tutori e degli insegnanti

Il difetto di vigilanza dell'insegnante e/o l'insufficiente predisposizione di misure di organizzazione, protezione e sorveglianza degli studenti da parte della scuola, purché pubblica, debbono essere contestate al Ministero dell'Istruzione...

Leggi dopo

Violazione dell’obbligo di lealtà coniugale e inosservanza degli impegni reciproci quali cause di addebito della separazione

24 Agosto 2015 | di Antonio Rizzo

Cass. civ.

Separazione giudiziale: addebito

L’omissione di informazioni rilevanti nella vita matrimoniale, quale l’impossibilità di procreare (circostanza idonea a minare il concetto stesso di famiglia come elaborato dal Titolo II della Costituzione, che attribuisce alla prole un ruolo centrale nella creazione di una famiglia) e l’etilismo, sono certamente idonei a configurare la violazione degli obblighi di cui al comma 2 dell’art. 143 c.c..

Leggi dopo

Per la Corte EDU deve essere garantito il diritto al cambiamento di sesso anche senza la prova dell’incapacità di procreare

12 Agosto 2015 | di Ester di Napoli

Corte EDU

Rettificazione di sesso

La disposizione normativa che preveda, tra le condizioni per ottenere l’autorizzazione giudiziale al mutamento di sesso, anche la prova dell’incapacità definitiva di procreare della persona transessuale, è da considerarsi in violazione dell’art. 8 CEDU, che sancisce il diritto alla vita privata.

Leggi dopo

Il ricorso alla mediazione familiare nei procedimenti di rimpatrio dei minori

03 Agosto 2015 | di Grazia Ofelia Cesaro

Trib. min. Bologna

Sottrazione internazionale di minorenni

Anche nei procedimenti di rimpatrio dei minori fatti oggetto di sottrazione internazionale il giudice minorile deve adoperarsi per garantire il miglior sviluppo del minore e ciò senza adottare misure stereotipate o automatiche. Pertanto, la dimostrata apertura dei coniugi ad un’ipotesi di riconciliazione giustifica l’invio delle parti ad un percorso di mediazione familiare, finalizzato al raggiungimento di una risoluzione bonaria della controversia.

Leggi dopo

È costituzionalmente legittimo l’effetto retroattivo della parentela “naturale”

30 Luglio 2015 | di Vera Tagliaferri

C. cost.

Successione legittima

La Corte Costituzionale ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 104, commi 2 e 3, d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 in riferimento agli artt. 2, 3 e 76 Cost.. Le argomentazioni a sostegno sono principalmente due: una di tipo sistematico ed una di tipo letterale.

Leggi dopo

Non sono rimborsabili le spese sostenute da un coniuge per la casa familiare di proprietà dell'altro

28 Luglio 2015 | di Manuela Cecchi

Cass. civ.

Matrimonio: diritti e doveri

La giurisprudenza sempre di legittimità, richiamata nella motivazione, si era pronunciata con la sentenza n. 18749/2004, sull’obbligo di contribuzione ai bisogni della famiglia, al cui soddisfacimento sono tenuti i coniugi a norma dell'art. 143 c.c., individuando i medesimi con un contenuto più ampio, rispetto a quelli minimi «al di sotto dei quali verrebbero in gioco la stessa comunione di vita e la stessa sopravvivenza del gruppo»...

Leggi dopo

Assegno perequativo in favore dei figli

24 Luglio 2015 | di Marta Rovacchi

Trib. Milano

Assegno di mantenimento per i figli

Il Tribunale di Milano ha, con questa ordinanza, svolto un attento esame finalizzato alla concreta realizzazione di un principio perequativo che assicuri l’effettivo esercizio della genitorialità sia sotto il profilo morale che sotto quello materiale, a tutela e nell’interesse del minore.

Leggi dopo

Il diritto al nome e il riconoscimento degli status familiari

17 Luglio 2015 | di Giuseppina Pizzolante

Corte EDU

Cognome

La Corte europea ha dichiarato che vi è stata una violazione dell’art. 14 CEDU (divieto di discriminazione), in combinato disposto con l’art. 8 CEDU (diritto al rispetto della privata e familiare), ritenendo che, nell’assegnazione del cognome ai figli legittimi, i genitori siano stati trattati in modo diverso poiché, nonostante vi fosse accordo, la madre non ha potuto attribuire il proprio cognome.

Leggi dopo

Pagine