Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Prestazioni lavorative tra conviventi e azione di ingiustificato arricchimento

26 Aprile 2016 | di Annarita Oliva

Cass. civ.

Convivenza

Nelle unioni di fatto le attribuzioni patrimoniali e le prestazioni lavorative in favore del convivente more uxorio configurano l'adempimento di un'obbligazione naturale solo a condizione che siano rispettati i principi di proporzionalità e di adeguatezza.

Leggi dopo

La competenza del Tribunale per i Minorenni nelle controversie relative al diritto di visita dei nonni

22 Aprile 2016 | di Francesca Tizi

Cass. civ.

Ascendenti: diritti e doveri

È ammissibile il regolamento di competenza, ad istanza di parte o d'ufficio, proposto avverso provvedimenti che non abbiano carattere definitivo e decisorio, quale devono ritenersi quelli emessi in sede di volontaria giurisdizione, aventi ad oggetto i diritti di cui all'art. 317 bis c.c..

Leggi dopo

La separazione di fatto tra i coniugi non impedisce l'acquisto della cittadinanza italiana

21 Aprile 2016 | di Alberto Figone

Trib. Genova

Cittadinanza

In caso di matrimonio tra uno straniero e un cittadino italiano, la mancanza di convivenza tra gli sposi non impedisce l’acquisto della cittadinanza italiana.

Leggi dopo

Riconoscimento in Italia della sentenza straniera di adozione piena del figlio del partner same sex

18 Aprile 2016 | di Giacomo Cardaci

C. cost.

Adozione di minore di età

La sentenza straniera di adozione del figlio del partner omosessuale è automaticamente efficace nell'ordinamento giuridico italiano ai sensi dell'art. 41, comma 1, l. n. 218/1995.

Leggi dopo

Il regime tributario dei trasferimenti immobiliari in sede di separazione e divorzio

13 Aprile 2016 | di Francesca Picardi

Cass. Civ.

Trasferimenti immobiliari nella separazione e nel divorzio

L'esenzione dall'imposta di bollo, di registro e da qualsiasi altro tributo, prevista dall'art. 19 della l. 6 marzo 1987, n.74, si applica a tutti i trasferimenti effettuati o programmati dai coniugi in sede di separazione o divorzio.

Leggi dopo

Affidamento condiviso e tempi ridotti di permanenza del figlio con il genitore non collocatario

12 Aprile 2016 | di Alberto Figone

Cass. Civ.

Affidamento condiviso

Non contrasta con i principi dell'affidamento condiviso un regime, stabilito dal giudice, in cui un figlio minore trascorre con il genitore collocatario un periodo di tempo ben superiore rispetto all'altro genitore.

Leggi dopo

Stepchild adoption “incrociata”: una nuova pronuncia del Tribunale minorile di Roma

11 Aprile 2016 | di Antonio Scalera

Trib. Min. Roma

Adozione in casi particolari

Può essere disposta a favore di ciascuno dei componenti della coppia omogenitoriale l'adozione del figlio del rispettivo partner, in base all'art. 44, comma 1, lett. d) l. n. 184/1983, se con ciò si realizza il preminente interesse dei minori.

Leggi dopo

Nel delitto di maltrattamenti la condotta è abituale in quanto reiterata nel tempo senza necessità di un periodo minimo

08 Aprile 2016 | di Giuseppe Mazzotta

Cass. pen.

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Integra il delitto di maltrattamenti ex art. 572 c.p. la condotta causa di sofferenze fisiche o psicologiche, alla quale l'imputato sottopone il coniuge, ove reiterata nel tempo, senza che sia necessario un periodo minimo, al di sotto del quale la sussistenza del reato debba necessariamente escludersi.

Leggi dopo

Amministrazione di sostegno e intervento di terzi: la nomina è sempre necessaria?

01 Aprile 2016 | di Roberto Masoni

Trib. Vercelli

Amministrazione di sostegno

Non va nominato l'amministratore di sostegno a beneficio di persona disabile che sia in grado di esercitare con pienezza i propri diritti laddove la stessa fruisca del proficuo aiuto da parte di terze persone.

Leggi dopo

Eccezione tardiva di convivenza di lunga durata come coniugi ed errore scusabile per “overruling”

30 Marzo 2016 | di Vincenzo Fasano

Cass. civ.

Delibazione di sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio ed effetti

Alla luce del principio costituzionale del giusto processo, non ha rilevanza preclusiva l'errore della parte che abbia compiuto, oppure omesso o ritardato, un atto processuale facendo affidamento su una consolidata giurisprudenza di legittimità sulle norme regolatrici del processo.

Leggi dopo

Pagine