Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

L'affidamento e il collocamento del minore presso terzi quali provvedimenti limitativi della responsabilità genitoriale

27 Aprile 2020 | di Martina Botton

Trib. Milano

Affidamento a terzi

L'affidamento del minore all'Ente territoriale è un provvedimento limitativo della responsabilità genitoriale che può essere disposto in ogni stato e grado di un procedimento ex art. 337 bis c.c., qualora la coppia genitoriale manifesti un elevato tasso di conflittualità, con ciò dimostrandosi del tutto inidonea ad effettuare le necessarie e fondamentali scelte nell'interesse primario del minore.

Leggi dopo

Spetta al padre spostarsi se vuole vedere la figlia

24 Aprile 2020 | di Michol Fiorendi

Cass. civ.

Diritto di visita

È da considerarsi violata la libertà personale del padre se il giudice, decidendo nel preminente interesse della figlia, stabilisce che debba essere lui a spostarsi in altro comune per vederla?

Leggi dopo

Diritto all’autorefezione nei locali scolastici durante l’orario della mensa

22 Aprile 2020 | di Annarita Oliva

Tar Lazio

Responsabilità genitoriale: nozione

È legittimo il provvedimento dell’amministrazione scolastica che vieta agli alunni di consumare i cibi portati da casa nei locali in cui si svolge il servizio di refezione scolastica refettorio e durante l’orario della mensa?

Leggi dopo

Affidamento del minore nel contesto della crisi familiare: la questione della competenza

21 Aprile 2020 | di Marina Pavone

Trib. min. Potenza

Affidamento a terzi

Pur in pendenza di un procedimento relativo alla crisi familiare dinanzi al Tribunale ordinario, non è da considerarsi preclusa la possibilità di attivare un procedimento dinanzi al Tribunale per i minorenni a fronte di “situazioni di pregiudizio che impongano l'adozione, anche con particolare urgenza, di misure di messa in sicurezza del minore, quali il collocamento in comunità o l'affidamento del minore, e i conseguenti provvedimenti de potestate.

Leggi dopo

Disparità economica dei coniugi divorziandi e criteri di quantificazione dell’assegno divorzile

20 Aprile 2020 | di Mariagrazia Pisapia

Trib. Milano

Assegno divorzile e una tantum

Accertata in capo alla coniuge richiedente l'assegno l'assenza -pacificamente riconducibile alle scelte di vita familiare- di un proprio reddito, di un'occupazione lavorativa, nonché di competenze professionali attuali, come vanno contemperati il significativo squilibrio tra le condizioni economiche delle parti e il contributo offerto dal coniuge richiedente alla vita familiare, anche in ragione della durata del matrimonio?

Leggi dopo

Impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità: la domanda va respinta se in contrasto con l’interesse del minore

16 Aprile 2020 | di Ida Parisi

Impugnazione del riconoscimento

Il Tribunale di Roma chiamato a pronunciarsi a seguito dell’azione promossa dal curatore, nominato dal tribunale, avente ad oggetto l’impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità effettuato da entrambi i genitori nei confronti dei figli minori nati all’estero, all’esito di un percorso di gestazione per altri, dopo aver individuato gli ambiti di operatività dell’art. 263 c.c., ha analizzato l’evoluzione del principio di certezza degli status, in relazione al favor veritatis, sia con riferimento alla normativa e alla giurisprudenza e internazionale, avendo come punto di riferimento, in primis, l’interesse del minore e la sua tutela.

Leggi dopo

L’affido condiviso del cane: applicazione analogica alla normativa sull’affidamento dei figli

16 Aprile 2020 | di Marta Rovacchi

Trib. Lucca

Affidamento condiviso

Nel vuoto normativo, alla luce dell’importanza del legame affettivo tra persone ed animali e del rispetto dovuto a questi ultimi quali esseri senzienti, non vi è dubbio che la normativa più vicina alla fattispecie sia quella relativa all’affidamento del figlio

Leggi dopo

Il declino del criterio della maternal preference

14 Aprile 2020 | di Domenico Costantino, Federica Bartoli

Residenza abituale del minore

Accertato che entrambi i genitori sono idonei a rendersi collocatari prevalenti del minore, nella scelta del genitore presso il quale il figlio deve permanere prevalentemente, deve applicarsi il criterio della maternal preference?

Leggi dopo

Negato il diritto a mantenere il cognome dell'ex marito perchè noto

10 Aprile 2020 | di Michol Fiorendi

Cass. civ.

Cognome

Non è ammissibile conservare il cognome del marito dopo la pronuncia di divorzio, salvo che il giudice di merito, con provvedimento motivato e nell'esercizio dei suoi poteri discrezionali, non disponga diversamente.

Leggi dopo

Stato di abbandono e interesse del minore al mantenimento della relazione con il genitore biologico

06 Aprile 2020 | di Giovanni La Rocca

Cass. civ.

Adozione di minore di età

In caso di accertamento dello stato di abbandono è necessario che l'indagine sulla condizione di abbandono morale e materiale del minore sia completa e non trascuri alcun rilevante profilo inerente i diritti del minore anche attraverso una adeguata operazione di bilanciamento che può condurre a ritenere prevalente l'interesse del minore a non recidere il legame con la madre rispetto al quadro deficitario delle capacità genitoriali.

Leggi dopo

Pagine