Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Divorzio: solo circostanze eccezionali consentono la conservazione del cognome dell'ex marito

16 Giugno 2016 | di Manuela Cecchi

Cass. civ.

Divorzio: presupposti ed effetti

Di regola non è ammissibile conservare il cognome del marito dopo la pronuncia di divorzio, salvo che il giudice di merito, con provvedimento motivato e nell'esercizio di poteri discrezionali, non disponga diversamente.

Leggi dopo

Questioni inedite nei rapporti tra trust e azione revocatoria

14 Giugno 2016 | di Alessio Reali

Trib. Genova

Trust di protezione del patrimonio familiare

E' revocabile, ai sensi dell'art. 2901, comma 1, n. 1, c.c., nella sua qualità di atto a titolo gratuito, l'atto di dotazione di un trust, con cui la disponente ha conferito nel trust fund la proprietà di alcuni beni immobili, da destinarsi al mantenimento del miglior tenore di vita possibile dei suoi figli, beneficiari del trust.

Leggi dopo

Nessun reato di alterazione di stato se la maternità surrogata è avvenuta all'estero

10 Giugno 2016 | di Giuseppe Marra

Cass. pen.

Maternità surrogata

In caso di ricorso alle tecniche di maternità surrogata all'estero e di successiva indicazione nell'atto di nascita di essere i genitori naturali in base alle leggi del luogo, gli autori di tali condotte non rispondono penalmente in Italia dei reati di alterazione di stato del minore o di falsa attestazione su qualità personali.

Leggi dopo

La dichiarazione di successione non veritiera integra il reato di falso ideologico

08 Giugno 2016 | di Chiara Antola

Successione testamentaria

La sentenza in oggetto ha il merito di concorrere alla definizione della fisionomia del reato di cui all'art. 483 c.p. tanto sotto il profilo dell'elemento...

Leggi dopo

La vis attractiva del giudice ordinario nei provvedimenti ablativi e limitativi della responsabilità genitoriale

06 Giugno 2016 | di Francesca Tizi

Cass. civ.

Responsabilità genitoriale: decadenza e limitazioni

Il Tribunale per i minorenni, successivamente adito, non è competente a decidere su richieste di provvedimenti ablativi in pendenza, di fronte al Tribunale ordinario, di procedimento ex art. 710 c.p.c. avente ad oggetto la responsabilità genitoriale.

Leggi dopo

Decisioni attribuite a un solo genitore anche con l’affido condiviso

31 Maggio 2016 | di Rosa Muscio

Trib. Roma

Affidamento condiviso

In un procedimento per scioglimento del matrimonio in relazione alla responsabilità genitoriale il padre chiedeva l’affidamento condiviso del figlio minore, la madre l’affidamento esclusivo, lamentando comportamenti paterni pregiudizievoli per l’equilibrio psicofisico del minore quali punizioni troppo severe, la negazione del disturbo dislessico da cui il minore era affetto e il totale disinteresse per la vita scolastica del figlio.

Leggi dopo

Adottabile il minore costretto da parte dei genitori a rimanere in uno stato infantile

27 Maggio 2016 | di Marta Rovacchi

Cass. civ.

Adozione di minore di età

La situazione di abbandono è presupposto necessario per la dichiarazione dello stato di adottabilità del minore ed è configurabile ogniqualvolta si accerti l'inadeguatezza dei genitori "naturali" a garantirgli il normale sviluppo psico-fisico.

Leggi dopo

Nascita di un figlio dalla nuova relazione e revisione delle condizioni sulla collocazione della prole

25 Maggio 2016 | di Eloisia Minolfi

Cass. civ.

Modifica delle statuizioni relative ai figli non matrimoniali

Il criterio fondamentale al quale il giudice deve attenersi nell'adozione dei provvedimenti riguardanti i figli minori è rappresentato dell'esclusivo interesse morale e materiale dei medesimi il quale impone di privilegiare, tra più soluzioni eventualmente possibili, quella che appaia più idonea a ridurre al massimo i danni derivanti dalla disgregazione del nucleo familiare e ad assicurare il migliore sviluppo della personalità del minore

Leggi dopo

Illecito registrare le telefonate tra genitore e figlio

18 Maggio 2016 | di Ada Odino

Cass. pen.

Responsabilità genitoriale: nozione

Risponde del reato di cui all'art. 617, 1 comma, c.p. il padre che registra clandestinamente le conversazioni telefoniche intervenute tra la moglie separata e i figli minori della coppia, i quali possono opporre ai genitori una propria sfera di riservatezza.

Leggi dopo

L'assegno a carico dell'eredità necessita, per divenire esigibile, di una pronuncia giudiziale che accerti l'esistenza dei presupposti

10 Maggio 2016 | di Luca Lanzalone

Trib. Milano

Assegno a carico dell’eredità

Il Tribunale di Milano si è pronunciato su due questioni in materia di assegno a carico dell'eredità: la prima relativa all'accertamento dei requisiti per vantare il diritto all'assegno, la seconda alla sua quantificazione.

Leggi dopo

Pagine