Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Separazione giudiziale: addebito

È risarcibile il danno a favore del coniuge costretto a separarsi dal marito facoltoso?

08 Novembre 2017 | di Marta Rovacchi

Cass. civ.

Separazione giudiziale: addebito

In tema di addebito e di quantificazione dell'assegno di mantenimento a favore del coniuge, le capacità patrimoniali e reddituali del marito non possono costituire motivo di risarcimento ulteriore.

Leggi dopo

Nessuna pronuncia di addebito in caso di scoperta della propria omosessualità

08 Agosto 2017 | di Valeria De Vellis

Trib. Perugia

Separazione giudiziale: addebito

Il Tribunale stabilisce che la semplice consapevolezza della propria omosessualità («sino a quel momento mai colta, né sperimentata, quanto meno a livello cosciente») non può costituire una condotta riprovevole e, di conseguenza, addebitabile.

Leggi dopo

Inammissibile l'addebito nella separazione consensuale o su richiesta congiunta dei coniugi

09 Dicembre 2016 | di Alberto Figone

Trib. Caltanissetta

Separazione giudiziale: addebito

I coniugi, in sede di ricorso per separazione consensuale, ovvero nelle conclusioni congiunte, rassegnate all'interno di un procedimento per separazione giudiziale, poi convertito in consensuale, possono negozialmente riconoscere la responsabilità della crisi matrimoniale ad uno di essi (ma anche ad entrambi), oppure si rende sempre necessario un accertamento giudiziale?

Leggi dopo

Domanda di addebito: il tempo trascorso rileva in caso di infedeltà

21 Settembre 2016 | di Marta Rovacchi

Cass. civ.

Separazione giudiziale: addebito

Spetta all’autore della violazione dell’obbligo la prova della mancanza del nesso eziologico tra infedeltà e crisi coniugale, quando contro di lui sia proposta domanda di addebito della separazione.

Leggi dopo

Addebito reciproco della separazione e dissolvimento dell'affectio coniugalis

09 Maggio 2016 | di Annamaria Siliberti

Cass. civ.

Separazione giudiziale: addebito

La circostanza di una maggiore o minore contemporaneità fra le condotte dei coniugi appare irrilevante alla luce della reciproca deduzione della responsabilità della rottura del matrimonio per infedeltà.

Leggi dopo

Violazione dell’obbligo di lealtà coniugale e inosservanza degli impegni reciproci quali cause di addebito della separazione

24 Agosto 2015 | di Antonio Rizzo

Cass. civ.

Separazione giudiziale: addebito

L’omissione di informazioni rilevanti nella vita matrimoniale, quale l’impossibilità di procreare (circostanza idonea a minare il concetto stesso di famiglia come elaborato dal Titolo II della Costituzione, che attribuisce alla prole un ruolo centrale nella creazione di una famiglia) e l’etilismo, sono certamente idonei a configurare la violazione degli obblighi di cui al comma 2 dell’art. 143 c.c..

Leggi dopo