Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

La raggiunta indipendenza economica di uno dei figli può giustificare la revisione dell'assegno di mantenimento?

07 Dicembre 2017 | di Domenica Leone

Cass. civ.

Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

La raggiunta indipendenza economica di uno dei figli ed il conseguente miglioramento delle condizioni economiche dell'obbligato al versamento dell'assegno possono costituire presupposto per la revisione dell'importo dell'assegno di mantenimento?

Leggi dopo

Solo fatti e circostanze sopravvenute possono fondare una richiesta di assegno divorzile

28 Luglio 2017 | di Angela Busacca

Cass civ.

Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

La pronuncia in esame affronta l'ipotesi di domanda di assegno di divorzio in separato ed autonomo giudizio, successivo al passaggio in giudicato della sentenza dichiarativa della cessazione degli effetti civili del matrimonio...

Leggi dopo

Scatta la soccombenza qualificata se la modifica è fondata su fatti già noti al momento della separazione

27 Dicembre 2016 | di Laura Logli

Trib. Milano

Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

Premesso che le nuove circostanze costituiscono condizione necessaria per ottenere la modifica delle statuizioni economiche contenute in una sentenza di separazione, il tribunale...

Leggi dopo

Non tutti gli accordi della separazione consensuale sono modificabili

17 Ottobre 2016 | di Valeria De Vellis

Cass. civ.

Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

La separazione consensuale è un negozio di diritto familiare avente un contenuto essenziale ed uno eventuale, non direttamente collegato al precedente matrimonio, ma costituito dalle pattuizioni che i coniugi intendono concludere in relazione all'instaurazione di un regime di vita separata.

Leggi dopo

In pendenza del giudizio di separazione il giudice ordinario decide sui figli

27 Settembre 2016 | di Paolo Rampini

Cass.

Modifica delle condizioni della separazione e del divorzio

La questione affrontata dalla Suprema Corte ha indubbiamente caratteristiche di novità e concerne i limiti di estensibilità della previsione di cui all'art. 38, disp. att. c.c.: la norma è ordinariamente interpretata nel senso che, per i procedimenti di cui agli artt. 330 e 333 c.c., la competenza è attribuita in via generale al Tribunale per i minorenni ma, quando sia pendente un giudizio di separazione, di divorzio o ex art. 316 c.c., e fino alla sua definitiva conclusione, le azioni dirette ad ottenere provvedimenti limitativi o ablativi della responsabilità genitoriale spettano al giudice del conflitto familiare.

Leggi dopo