Focus

Focus

Opponibilità delle convenzioni matrimoniali e possibile coordinamento tra la trascrizione nei registri immobiliari e l’annotazione a margine dell’atto di matrimonio

15 Maggio 2015 | di Nelson Alberto Cimmino

Convenzioni matrimoniali

In tema di opponibilità delle convenzioni matrimoniali il problema centrale è rappresentato dal coordinamento fra la trascrizione nei registri immobiliari (art. 2647 c.c.) e l’annotazione a margine dell’atto di matrimonio (art. 162 c.c.). La giurisprudenza ritiene costantemente e con indirizzo pressoché unanime che l’annotazione di cui all’art. 162 comma 4 c.c. (norma speciale) sia l’unica forma di pubblicità idonea ad assicurare l’opponibilità della convenzione matrimoniale ai terzi, mentre la trascrizione di cui all’art. 2647 c.c. (norma generale) ha funzione di mera pubblicità-notizia. Punti di vista discordanti si riscontrano, invece, in dottrina.

Leggi dopo

Per un modello unico di garanzia degli assegni di mantenimento per i figli

05 Maggio 2015 | di Alessandro Simeone

Garanzie: richiesta di pagamento diretto

L’art. 3, comma 3, l. n. 219/2012, mosso dal nobile intento di creare un sistema unitario di garanzie per i figli, indipendentemente dal loro status, in realtà per la sua formulazione poco chiara ha creato e sta creando più di un problema interpretativo. Richiamando gli orientamenti giurisprudenziali più recenti, ci si sofferma ad analizzare il sistema delle garanzie dell’assegno di mantenimento della prole tentando di segnalare un modello che, da un lato, corrisponda a un’interpretazione costituzionalmente orientata delle norma e, dall’altro, sia realmente efficace nella sua applicazione concreta.

Leggi dopo

La tutela della parte economicamente più debole prima dei provvedimenti provvisori

04 Maggio 2015 | di Alessandro Simeone

Garanzie: sequestri e provvedimenti d’urgenza

Il nostro sistema prevede una serie di garanzie operanti successivamente all’emissione dei provvedimenti provvisori: ordine di pagamento diretto, sequestro dei beni, richiesta di pagamento diretto, ordine di prestare garanzie reali o personali. Nulla invece è previsto a tutela dei membri della famiglia per il periodo intercorrente tra la decisione di porre fine alla convivenza e la prima udienza (presidenziale nei giudizi di separazione o camerale nei procedimenti per i figli “non matrimoniali”); si tratta della fase più delicata, proprio per l’assenza di una regolamentazione specifica, durante la quale non è raro che la parte economicamente più forte ponga in essere atti (reali o simulati) di spoliazione del proprio patrimonio, così da vaporizzare la garanzia del credito e rendere più difficoltosa l’esecuzione dei provvedimenti di determinazione degli obblighi di mantenimento. Si analizzano i principali filoni interpretativi della dottrina e della pur scarsa giurisprudenza in materia, al fine di verificare la compatibilità tra la peculiare situazione della famiglia (anche di fatto) in crisi e gli strumenti ordinari previsti per tutelare l’avente diritto per il periodo di tempo necessario a far valere, anche solo in via provvisoria, la propria pretesa nel procedimento giudiziario.

Leggi dopo

La maternità surrogata negli Stati europei ed extraeuropei

24 Aprile 2015 | di Marta Rovacchi

Maternità surrogata

La surroga di maternità è un accordo ai termini del quale una donna (madre surrogata) porta in gestazione un bambino per conto di un’altra donna (madre committente) alla quale si impegna di consegnarlo appena nato. L'embrione impiantato nella madre surrogata deriva di solito da fecondazione, omologa o eterologa, dell’ovocita della committente, ma non è escluso che l’ovocita fecondato appartenga alla surrogata o addirittura ad una terza donna, donatrice. In altre parole, si tratta di accordo fra soggetti privati in forza del quale una donna (la gestante sostitutiva o madre surrogata) si impegna nei confronti di un altro soggetto o di altri soggetti (un uomo, una donna, una coppia, sia questa legalmente riconosciuta o meno) a sottoporsi a fecondazione artificiale, a condurre la gravidanza e a partorire un bambino che sarà “consegnato” al committente ovvero ai committenti e rispetto al quale essa si impegna a non vantare né esercitare alcun ruolo genitoriale. Le legislazioni internazionali e nazionali, attraverso le interpretazioni delle pronunce di legittimità e di merito si sono trovate a dovere affrontare l’inquadramento dello status filiationis discendente dal ricorso alla tecnica della maternità surrogata da parte di sempre più numerose coppie.

Leggi dopo

La violenza assistita intrafamiliare da categoria psicosociale a norma di diritto

17 Aprile 2015 | di Concetta Gentili

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

La violenza assistita è un fenomeno che coinvolge migliaia di bambini ogni giorno, in Italia come nel mondo. Il danno che essi ne ricevono è incalcolabile. Attraverso l’esame delle novità legislative e delle sentenze di merito e legittimità, viene illustrato il percorso attraverso il quale la violenza assistita da semplice categoria psicosociale è assurta a categoria del diritto con cui l’operatore deve sapersi confrontare anche alla luce della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul, 11 maggio 2011 ratificata con l. 27 giugno 2013, n. 77). La violenza assistita, sia come fattispecie penale rientrante nei maltrattamenti in famiglia, sia per i suoi effetti nei procedimenti riguardanti la responsabilità genitoriale (separazione, divorzio, procedimenti de potestate, etc.) ha trovato oggi ingresso in decisioni destinate, per la loro portata culturale, a rappresentare “un punto di non ritorno” nell'ottica di una sempre maggiore attenzione alla tutela dei minori, del loro interesse e della loro crescita al riparo da ogni forma di sopraffazione o di violenza.

Leggi dopo

Il difficile equilibrio tra il diritto e il dovere di ascoltare il minore nel processo

16 Aprile 2015 | di Laura Maria Cosmai

Ascolto del minore

L’obbligatorietà dell’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano e che hanno ad oggetto suoi diritti o questioni che lo coinvolgono, impone di interrogarsi non solo sulla funzione del nuovo istituto, ma anche e soprattutto sul difficile equilibrio che l’istituto impone di realizzare nel processo: diritto del minore ad essere ascoltato/dovere per l’autorità giudiziaria di ascoltarlo e diritto del minore ad essere preservato dalle possibili distorsioni processuali connesse al suo ascolto. Si ratta quindi di realizzare un punto di incontro tra diritti ed obblighi in un istituto bifronte che deve essere visto dalla parte del minore e dalla parte degli adulti direttamente parti nel processo. La ricerca di modalità di attuazione dell’ascolto rispettose dei diritti non solo di un “minore astratto” ma di “quello specifico minore” deve guidare la scelta circa tempi e criteri che tengano conto del preminente interesse per il quale l’ascolto deve essere realizzato.

Leggi dopo

Il “perimetro” dell’ascolto tra regole astratte ed esigenze concrete

02 Aprile 2015 | di Laura Maria Cosmai

Ascolto del minore

L’introduzione dell’istituto dell’ascolto del minore impone una riflessione sulla necessità di individuare le specifiche questioni su cui il fanciullo può e deve essere sentito. Se infatti è indubbio che debba essere ascoltato in tutti i procedimenti che lo riguardano e che hanno ad oggetto suoi diritti, nondimeno appare necessario delimitare il perimetro entro il quale l’audizione del minore può e deve muoversi. Anche la modalità di svolgimento come oggi delineata dall’art. 336 bis c.c. e art. 38 disp. att. c.c. impone la necessità di verificare se sopravvivano nel sistema tipologie di audizione differenti da quella – primaria - dell’ascolto diretto da parte del giudice nonché sulla sorte dei protocolli utilizzati nelle varie sedi giudiziarie per l’ascolto del minore.

Leggi dopo

L’illecito endofamiliare

19 Marzo 2015 | di Giuseppe Buffone

Risarcimento del danno endofamiliare

Con alcune recenti pronunce (in particolare, in Cassazione: la decisione n. 16657 del 2014) la giurisprudenza è tornata sul tema della lesione endogena dei rapporti familiari, approfondendo la questione relativa alla liquidazione del pregiudizio di tipo non patrimoniale. In linea con le nuove tendenze che ripudiano il criterio liquidatorio puro, la giurisprudenza in esame richiama, ai fini della quantificazione del pregiudizio, dei parametri uniformi e oggettivi come le tabelle elaborate dall’osservatorio della Giustizia Civile di Milano.

Leggi dopo

Pagine