Focus

Focus

Funzione prescrittiva della CTU minorile e libera scelta del trattamento psicoterapico

29 Novembre 2016 | di Marco Lagazzi, Sonia Oppici

Consulenza tecnica d’ufficio

La CTU minorile, quando prescrive al genitore un trattamento psicoterapico, assume una funzione condizionante se non cogente, potenzialmente lesiva dell’ art. 32 Cost.. Vengono discusse le implicazioni di questa tematica, alla luce della sentenza del 1 luglio 2015 n. 13506, che ha stabilito l’impossibilità di obbligare un genitore a “curarsi”.

Leggi dopo

Mediazione familiare e deontologia forense

17 Novembre 2016 | di Marcella Gatti

Mediazione familiare

Il progressivo affermarsi della mediazione familiare come strumento di lavoro e come opportunità di un nuovo modo di intendere il diritto, ulteriore rispetto alla logica prettamente giudiziaria, impone anche agli avvocati un differente modo di approcciarsi alla professione. Nella classe forense sta, infatti, aumentando il numero di quanti, con maggiore spirito di adattamento ai cambiamenti in corso e nel rispetto di un'etica deontologica e comportamentale, sanno considerare la logica della interazione tra le diverse posizioni in conflitto, concentrandosi sulla primaria importanza che assume la tutela dei figli minori.

Leggi dopo

Affido condiviso non praticabile: la risposta della giurisprudenza alla gestione del conflitto

10 Novembre 2016 | di Francesca Picardi

Responsabilità genitoriale: risoluzione delle controversie

Con le recenti riforme, si è previsto l'intervento del giudice della crisi familiare per superare gli eventuali conflitti tra i genitori in ordine all'esercizio della loro responsabilità. L'articolo offre una ricognizione critica delle proposte e delle prassi elaborate dalla giurisprudenza nell'espletamento di tale ruolo sostitutivo dei genitori: dalla concentrazione di alcune scelte in capo ad uno solo dei genitori affidatari all'attribuzione del potere decisionale ai Servizi sociali o ad un terzo, sulle questioni di maggiore importanza.

Leggi dopo

La negoziazione assistita familiare nei suoi aspetti pratici

04 Novembre 2016 | di Carla Loda

Negoziazione assistita

Vengono esaminate le questioni pratiche connesse alla procedura di negoziazione assistita in materia familiare, evidenziando, tramite il richiamo alle prassi applicative e alla giurisprudenza, i suggerimenti opportuni onde poter fruire validamente del nuovo istituto che costituisce un valido strumento per l'Avvocato.

Leggi dopo

Il contenuto patrimoniale del testamento

26 Ottobre 2016 | di Corrado De Rosa

Successione testamentaria

Con riferimento alle disposizioni testamentarie di natura patrimoniale, in dottrina si scontrano due letture alternative: secondo la tesi tradizionale, oggetto del testamento possono essere solo disposizioni a titolo di legato e a titolo di eredità. Per la tesi più moderna, invece, si possono riscontrare diverse altre disposizioni o clausole, aventi natura autonoma, quali l'onere, le disposizioni del testatore sulla divisione, le disposizioni in tema di debiti, le disposizioni sull'ordine di riduzione delle disposizioni.

Leggi dopo

Per un'interpretazione non discriminatoria della norma sull'assegnazione della casa familiare

18 Ottobre 2016 | di Andrea Gragnani

Casa familiare: assegnazione

L'assegnazione della casa familiare è disciplinata dall'art. 337-sexies c.c., secondo cui il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli. Si tratta di un diritto di godimento tipico in materia di famiglia: l'assegnazione, quindi, non è un diritto reale, non è assimilabile al diritto di abitazione di cui all'art. 1022 c.c. e lascia del tutto invariati i diritti sottostanti...

Leggi dopo

La burocrazia ucciderà la "Cirinnà"?

12 Ottobre 2016 | di Alessandro Simeone

Convivenza

La l. n. 76/2016, sin dall'entrata in vigore, ha suscitato l'attenzione degli operatori del diritto per l'incertezza della definizione di “conviventi di fatto”, foriera di interpretazioni potenzialmente confliggenti con lo spirito e l'impostazione della nuova normativa. L'Autore analizza la problematica, soffermandosi in particolare sulla natura costitutiva dell'obbligo di registrazione, nonché sull'esclusione dei soggetti separati dal novero di coloro che possono accedere alla nuova regolamentazione.

Leggi dopo

La mediazione familiare e la mediazione familiare forense: Cenerentola o Araba Fenice?

06 Ottobre 2016 | di Paola Ventura

Mediazione familiare

Mentre negli ultimi anni la cultura della media-conciliazione commerciale ha posto in ombra il ruolo storicamente trainante della Mediazione Familiare, la procedura di Mediazione Familiare Forense – facendo leva su un coinvolgimento senza precedenti dell' Avvocatura – si propone per un rilancio di questa tradizionale tipologia di ADR (alternative despute resolution).

Leggi dopo

Le decisioni di maggiore interesse nell'affidamento del minore

26 Settembre 2016 | di Francesca Picardi

Responsabilità genitoriale: risoluzione delle controversie

La concertazione delle decisioni di maggiore interesse per i figli costituisce il fulcro della bigenitorialità sicché, con le recenti riforme, si è previsto l'intervento dell'autorità giudiziaria al fine di superare gli eventuali conflitti che insorgessero sul punto tra i genitori in crisi. L'autore cerca d'individuare il confine ed i limiti del potere sostitutivo nell'esercizio della responsabilità genitoriale, conferito dall'art. 337 ter c.c. (già art. 155 c.c.) al giudice, ponendo a confronto la disciplina pregressa e quella attuale, quella destinata alla famiglie unite ed a quelle disgregate.

Leggi dopo

La cessazione della convivenza: modalità ed effetti

20 Settembre 2016 | di Alessandro Simeone

Convivenza

La l. n. 76/2016 ha regolamentato le convivenze more uxorio tra due persone dello stesso sesso o di sesso diverso. Una rivoluzione statisticamente più incisiva delle unioni civili, che però hanno destato più attenzione per il risvolto culturale ad esse sotteso. L'Autore analizza la nuova normativa, segnalando le criticità del modello legislativo prescelto, soffermandosi sul destino della ex casa familiare e sulle particolarità dell'assegno alimentare spettante al partner debole dopo la cessazione della convivenza.

Leggi dopo

Pagine