Focus

Focus su Maltrattamenti contro familiari e conviventi

La violenza intrafamiliare e la violenza assistita, una lettura interdisciplinare

12 Novembre 2019 | di Piera Gasparini

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Negli ultimi anni si è elaborata, in dottrina e in giurisprudenza, una nozione ampia e complessa di “violenza endofamiliare”, comprensiva di molteplici condotte non limitate al conflitto fra coniugi o conviventi e alle dinamiche fisicamente e/o psicologicamente abusive della relazione di coppia, ma estese a qualsiasi comportamento di aggressione fisica, verbale, gestuale, psicologica cui assistano i minori, pur non essendone i diretti destinatari, che li espone, se non ad un conclamato pregiudizio dello sviluppo personologico, ad una condizione di sofferenza, ansia, insicurezza, disorientamento.

Leggi dopo

Codice Rosso. Come cambia la tutela delle vittime di violenza domestica e di genere con la legge 69/2019

26 Luglio 2019 | di Sandra Recchione

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale 19 luglio 2019, n. 69, Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, il c.d Codice Rosso. Le nuove disposizioni entreranno in vigore dal 9 agosto 2019. La legge introduce un canale investigativo preferenziale per i reati, appunto, da “codice rosso”...

Leggi dopo

Violenza sessuale e rapporti coniugali. Certezze ermeneutiche e criticità probatorie

27 Dicembre 2018 | di Cesare Parodi

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Nel genus violenza sessuale, la species violenza coniugale si caratterizza per una serie di profili legati non solo alla valutazione delle condotte, quanto anche – doverosamente – a una specifica analisi della pregresse relazione interpersonale e a una peculiare valutazione dell'elemento soggettivo, con particolare riguardo alla sussistenza di un consenso “tacito” al rapporto sessuale. Il delitto di violenza sessuale di cui all'art. 609-bisc.p. è tra...

Leggi dopo

Maltrattamento e violenza psicologica: disfunzionalità delle relazioni in ambito familiare

05 Giugno 2018 | di Alessandra Bramante, Viviana Lamarra

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

La violenza domestica è un fenomeno sommerso, trasversale e continuativo, complesso in quanto emerge nelle relazioni interpersonali e affettive più significative per l’individuo, nell’ambito che nell’immaginario collettivo dovrebbe essere di tutela dello stesso (famiglia) e spesso integra in sé varie forme di violenza.

Leggi dopo

Indennizzo delle vittime di reati violenti: ancora dubbi ed incertezze

05 Dicembre 2017 | di Giuseppe Marra

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

L'Italia, seppure con un notevole ritardo, che ha comportato due censure da parte della Corte di giustizia U.E., ha recepito, con l. n. 122/2016, la Direttiva 2004/80/CE, che prevede la tutela mediante un indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti. Tuttavia, malgrado le modifiche introdotte di recente dalla legge europea del 2017, non pochi sono i dubbi interpretativi che emergono dalle prime pronunce della giurisprudenza di merito, anche a causa della formulazione non sempre precisa dei presupposti normativi contenuti nella predetta legge n. 122/2016.

Leggi dopo

Il rapporto tra il reato di maltrattamenti e quello di atti persecutori

15 Maggio 2015 | di Antonio Calaresu, Cristina Cerrato

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Le recenti modifiche introdotte nell'ambito del sistema delle tutele della violenza di genere, rendono critici i rapporti tra la fattispecie prevista dall'art. 572 c.p. e quella relativa agli atti persecutori. L'estensione della fattispecie degli atti persecutori al coniuge, a prescindere dalla convivenza e dal vincolo matrimoniale, attuale o pregresso, rende infatti inafferrabile la distinzione tra il reato di maltrattamenti e quello di atti persecutori, ponendo l’ulteriore problematica per il diverso regime di procedibilità. Gli autori, analizzando i filoni giurisprudenziali creatisi sotto il vigore delle pre-cedenti norme nonché il testo delle modifiche, individuano la sottile linea di confine tra alternatività e coesistenza delle due fattispecie criminose.

Leggi dopo

Le misure dirette a rafforzare la tutela della vittima di maltrattamenti in famiglia

15 Maggio 2015 | di Antonio Calaresu, Cristina Cerrato

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Gli autori analizzano le molteplici novità in materia di maltrattamenti introdotte dalla l. 1° ottobre 2012, n. 172, l. 9 agosto 2013, n. 94, l. 15 ottobre 2013, n. 119 (conversione del decreto sul femminicidio, d.l. 14 agosto 2013, n. 93) e il loro impatto sia nell’attività investigativa, sia nella fase dibattimentale, tenendo conto della ratio delle norme di nuovo conio; esse sono infatti dirette al rafforzamento della prevenzione degli episodi di maltrattamenti in famiglia e alla loro repressione, e si caratterizzano per la particolare e rinnovata attenzione alla vittima del reato.

Leggi dopo

La violenza assistita intrafamiliare da categoria psicosociale a norma di diritto

17 Aprile 2015 | di Concetta Gentili

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

La violenza assistita è un fenomeno che coinvolge migliaia di bambini ogni giorno, in Italia come nel mondo. Il danno che essi ne ricevono è incalcolabile. Attraverso l’esame delle novità legislative e delle sentenze di merito e legittimità, viene illustrato il percorso attraverso il quale la violenza assistita da semplice categoria psicosociale è assurta a categoria del diritto con cui l’operatore deve sapersi confrontare anche alla luce della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul, 11 maggio 2011 ratificata con l. 27 giugno 2013, n. 77). La violenza assistita, sia come fattispecie penale rientrante nei maltrattamenti in famiglia, sia per i suoi effetti nei procedimenti riguardanti la responsabilità genitoriale (separazione, divorzio, procedimenti de potestate, etc.) ha trovato oggi ingresso in decisioni destinate, per la loro portata culturale, a rappresentare “un punto di non ritorno” nell'ottica di una sempre maggiore attenzione alla tutela dei minori, del loro interesse e della loro crescita al riparo da ogni forma di sopraffazione o di violenza.

Leggi dopo