Focus

Focus su Disposizioni anticipate di trattamento (DAT)

Disposizioni in materia di pianificazione condivisa delle cure (PCC)

06 Settembre 2018 | di Gianni Baldini


Disposizioni anticipate di trattamento (DAT)

La pianificazione condivisa delle cure (PCC) costituisce la vera novità della l. 219/17 nota come legge sul Biotestamento. Essa consiste nella programmazione ex ante di trattamenti terapeutici cui essere sottoposti, predisposta in condivisione tra medico/equipe sanitaria da un lato e paziente dall’altra, in forza della quale le parti condividono il percorso terapeutico da seguire a fronte dell’evolversi di una patologia cronica o invalidante o caratterizzata da inarrestabile evoluzione con prognosi infausta.

Leggi dopo

DAT: quando si nomina l'amministratore di sostegno?

19 Giugno 2018 | di Roberto Masoni

Disposizioni anticipate di trattamento (DAT)

In ipotesi di omessa nomina di fiduciario ad opera del disponente (ovvero laddove lo stesso non possa essere sostituito da altri nell'incarico cui ha rinunciato), le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente stesso mentre, in caso di necessità, il giudice tutelare provvede alla nomina di un amministratore di sostegno.

Leggi dopo

Il rispetto della persona umana nelle disposizioni in materia di consenso informato medico e di disposizioni anticipate di trattamento

28 Marzo 2018 | di Roberto Masoni

Disposizioni anticipate di trattamento (DAT)

Il Parlamento ha portato a definitivo compimento un processo legislativo iniziato oltre vent'anni or sono e protratto senza esito per cinque legislature, introducendo in Italia una legislazione rispettosa dei diritti dei malati, non solo in materia di testamento biologico, ma anche di consenso informato in tema di trattamenti sanitari e fine vita.

Leggi dopo

Legge sul biotestamento: diritto alla salute e all’autodeterminazione

17 Gennaio 2018 | di Rita Rossi

Disposizioni anticipate di trattamento (DAT)

La l. n. 219/2017 introduce nell'ordinamento la disciplina dei rapporti tra medico e paziente, intervenendo a regolamentare tutti i profili di tale rapporto: consenso informato, doveri e responsabilità del medico e dell'équipe sanitaria, alleanza terapeutica, pianificazione delle cure, decisioni relative alla fase terminale della vita, rapporti tra medico e familiari del paziente, decisioni sulla salute del minore d'età e delle persone prive di autonomia, accanimento terapeutico, terapia del dolore, disposizioni anticipate di trattamento. A pochi giorni dalla sua approvazione, si parla della nuova legge come di "legge sul biotestamento" costituendo le disposizioni relative alle DAT la parte senz'altro più innovativa di essa. La legge n. 219/2017 tuttavia, dovrebbe essere più correttamente considerata come lo "statuto dei diritti della persona in materia di salute".

Leggi dopo