Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

L’ascolto del minore non può essere richiesto strumentalmente al fine di dirimere la contesa economica tra i genitori

05 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

App. Catania

Responsabilità genitoriale: risoluzione delle controversie

L’ascolto del minore è un momento di esercizio del diritto del fanciullo ad esprimere le proprie opinioni ed esigenze, liberamente e senza condizionamenti

Leggi dopo

Per i provvedimenti de potestate già instaurati resta la competenza del Tribunale per i minorenni, se il giudizio di separazione viene incardinato successivamente

05 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Milano

Responsabilità genitoriale: decadenza e limitazioni

A seguito della riformulazione dell'art. 38 disp. att. c.c. (art. 3 legge 10 dicembre 2012 n. 219) il legislatore ha inteso che se un giudizio di separazione è in corso al momento della proposizione della domanda diretta all'adozione di un provvedimento de potestate si verifica l'effetto attrattivo della competenza

Leggi dopo

L’assegnazione della casa familiare è opponibile al terzo acquirente, anche se non trascritta, per nove anni dall’emissione del provvedimento e oltre 9 anni solo se trascritta

05 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Bari

Casa familiare: trascrizione del provvedimento di assegnazione e opponibilità

Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile, ancorché non trascritto, al terzo acquirente

Leggi dopo

La domanda di divorzio dell’interdetto giudiziale, non introdotta dal curatore speciale, è improponibile

05 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Bari

Divorzio: procedimento e impugnazioni

La legittimazione processuale a promuovere per l’interdetto giudiziale il giudizio di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio spetta solo al curatore speciale, in applicazione analogica dell’art. 4, quinto comma, l. n. 898, 1 dicembre 1970

Leggi dopo

La relazione extraconiugale non è causa di addebito della separazione se successiva alla crisi affettiva tra i coniugi

05 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Foggia

Separazione giudiziale: addebito

Ai fini dell’addebito della separazione la pur accertata relazione extraconiugale, quando insorta in una condizione di ormai evidente crisi del rapporto di coniugio, non assume rilevanza

Leggi dopo

Limitazioni alla responsabilità genitoriale: è competente il tribunale ordinario in pendenza del giudizio di separazione

03 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. min. Trieste

Responsabilità genitoriale: decadenza e limitazioni

A norma dell'art. 38 disp. att. c.c., modificato dall’art. 3 L. 219/2012, nei casi in cui sia in corso il giudizio di separazione, la competenza in ordine ai procedimenti di cui all’art. 333 c.c.

Leggi dopo

La madre biologica deve essere messa al corrente del ricorso per rendere nota la sua identità

01 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. min. Trieste

Azioni di stato

In ordine alle modalità di identificazione della madre biologica e di raccolta del suo eventuale consenso, sussiste per il Tribunale l’obbligo di provvedere a tale identificazione

Leggi dopo

Sottrazione internazionale di minori: il ruolo del mediatore familiare

29 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. min. Bologna

Sottrazione internazionale di minorenni

Nei casi di sottrazione internazionale di minori, la scelta dello strumento della mediazione familiare è divenuta proposta nelle conclusioni del Consiglio europeo di Stoccolma (2009) e nel Piano d’azione per l’attuazione del programma di Stoccolma della Commissione

Leggi dopo

Al coniuge con figli maggiorenni privi di reddito propri senza colpa spetta la casa coniugale

28 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Pescara

Casa familiare: assegnazione

La casa coniugale spetta al coniuge presso cui sono collocati i figli in quanto questi, pur se maggiorenni, sono ancora sprovvisti, senza loro colpa, di sufficienti redditi propri

Leggi dopo

Il terzo può pagare in luogo del coniuge obbligato inadempiente, solo dopo l'ordine del giudice

28 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Roma

Garanzie: ordine di pagamento diretto

Dal combinato disposto dell’art. 3, co. 2, L 219/2012 e dell’art. 8, co. 2, L. 898/1970, si desume che, solo a seguito dell’ordine di distrazione dei redditi dell’obbligato

Leggi dopo

Pagine