Bussola

Riconoscimento delle sentenze straniere

Sommario

Inquadramento | La certezza delle situazioni giuridiche nello spazio | Le condizioni del riconoscimento | La reciproca fiducia all'interno dell’UE | La compatibilità con l'ordine pubblico | Il riconoscimento delle sentenze di condanna ai danni punitivi | Casistica |

 

La tradizionale procedura della delibazione delle sentenze straniere è stata, negli anni, definitivamente superata, sia dalla legge di diritto internazionale privato che, per i rapporti interni all'UE, al diritto uniforme europeo. Oggi è definitivamente affermato il  principio del riconoscimento automatico delle sentenze straniere in materia civile e commerciale, al fine di realizzare una armonica regolamentazione nello spazio dei diritti che le persone acquisiscono in un determinato paese e che non possono venir meno quando le persone devono spostarsi in un altro paese. Ciò vale a maggior ragione nello comune  casa europea che costituisce uno spazio «senza frontiere interne nel quale è assicurata la libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali»: in definitiva un luogo d'esercizio di libertà fondamentali per l'individuo. Per questa ragione il diritto uniforme europeo stabilisce l'equivalenza tra titoli esecutivi di Stati membri, in virtù del principio di reciproca fiducia che è alla base del riconoscimento della esecutività delle decisioni in ogni Stato membro.

Leggi dopo