Bussola

Ricongiungimento familiare

Sommario

Inquadramento | Il ricongiungimento familiare richiesto dal cittadino straniero | Il ricongiungimento familiare richiesto dal cittadino italiano | I beneficiari del ricongiungimento | Ricongiungimento familiare e unione civile | I familiari dei rifugiati | La procedura per il rilascio del permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare | Gli effetti del permesso di soggiorno per motivi familiari a seguito di ricongiungimento | Ricongiungimento familiare e condanne penali | Ricongiungimento familiare e separazione | Casistica |

 

La Direttiva 2003/86/CE ha indicato agli Stati della Comunità Europea (cfr. considerando n. 2 e n. 4, Direttiva 2003/86/CE) la necessità di adottare un apparato normativo per disciplinare il ricongiungimento familiare inteso, da un lato, come misura di protezione e rispetto della famiglia già consacrati «in numerosi strumenti di diritto internazionale» e, dall'altro, quale strumento «necessario per permettere la vita familiare» che contribuisca a «…creare una stabilità socioculturale che faciliti l'integrazione dei cittadini di paesi terzi negli Stati membri», così permettendo «…di promuovere la coesione economica e sociale obiettivo fondamentale della Comunità» enunciato nei trattati della sua fondazione ed organizzazione. Segnalata la necessità che il diritto al ricongiungimento debba riguardare «in ogni caso» e con evidente posizione privilegiata «i membri della famiglia nucleare, cioè il coniuge ed i figli minorenni», ed essendo riservato all'autonomia normativa degli Stati «decidere se autorizzare la riunificazione familiare» di altri parenti, la direttiva (cfr. considerando n. 11, Direttiva 2003/86/CE) precisa che «il diritto al ricongiungimento familiare dovrebbe essere esercitato nel necessario rispetto dei valori e dei principi riconosciuti dagli Stati membri, segnata...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento