Bussola

Impugnazione del riconoscimento

Sommario

Inquadramento | Accertamento del rapporto di filiazione: “favor veritatis” ed interesse del minore | Interesse alla stabilità dei rapporti familiari e termini di decadenza dall’azione | Allineamento delle azioni di impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità e di disconoscimento di paternità | Impugnazione del riconoscimento da parte di chi era consapevole della sua falsità | Impugnazione del riconoscimento e abuso del diritto | Differenze tra la disciplina del disconoscimento di paternità e dell’impugnazione del riconoscimento |

 

Si tratta di una delle azioni previste dall’ordinamento per l’accertamento del rapporto di filiazione. Il riconoscimento del figlio può essere impugnato per difetto di veridicità nel caso si affermi che l’autore del riconoscimento non è in realtà il genitore della persona riconosciuta. L’azione ha riguardo ai soli figli nati fuori dal matrimonio e si affianca al disconoscimento di paternità, che trova applicazione per i figli nati durante il matrimonio ed ha lo scopo di accertare che il marito della madre non è il padre del presunto figlio. La riforma della filiazione, che ha unificato lo status di tutti i figli, ha introdotto importanti novità anche in ordine alle regole di accertamento del rapporto di filiazione, in particolare rendendo sostanzialmente omogenei i termini per l’esercizio dell’azione di impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità con quelli per l’azione di disconoscimento di paternità. La diversa disciplina delle due azioni finiva per creare ingiustificate discriminazioni per i figli nati fuori dal matrimonio, il cui status era maggiormente incerto in ragione dell’estensione dei soggetti legittimati (chiunque vi ha interesse) e dell’imprescrittibilità per tutti della relativa azione. Permangono alcune differenze nella disciplina delle due azioni ...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Giurisprudenza sovranazionale

Giurisprudenza sovranazionale

Su Riconoscimento del figlio

Al minore va garantito il diritto a conoscere le proprie origini
di Annamaria Fasano, Giuseppina Pizzolante

Vedi tutti »