Bussola

Donazione di beni futuri

Sommario

Inquadramento | Il fondamento del divieto | Donazione di beni altrui | I frutti pendenti | Le universalità di beni | Le prestazioni periodiche | Casistica |

 

La donazione di beni futuri nel nostro ordinamento è espressamente vietata dall’art. 771 c.c.. Il divieto ha origini antiche e deve essere considerato di ordine pubblico. L’art. 771 c.c. recepisce detto divieto e mostra chiaramente i contorni operativi dello stesso. In particolare afferma come sia vietata qualsiasi donazione di beni futuri, ancorchè sia ricompresa in una maggior donazione. In tale ultima ipotesi rimane salva la donazione di beni presenti e la nullità colpisce solo quella parte di donazione relativa a beni futuri, non preoccupandosi di indagare se il donante volesse donare soltanto l’intero compendio di beni, presenti e futuri, ma affermando sempre la validità per la donazione dei beni esistenti nel patrimonio del donante. Il divieto conosce solo alcune eccezioni, normativamente disciplinate; in particolare, sono ammesse le donazioni di frutti non ancora separati e le donazioni di prestazioni periodiche, seppur con il limite della morte del donante.   In evidenza La donazione di beni futuri è vietata sempre, sia nel caso di donazione di soli beni futuri, sia nel caso di donazione di più beni, di cui alcuni presenti e alcuni futuri. Nel secondo caso la nullità colpisce solo la parte di donazione relativa ai beni futuri, senza indagare sulla volontà del donant...

Leggi dopo