Bussola

Divorzio congiunto

29 Settembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | I presupposti del divorzio | Procedimento | Effetti personali | Effetti patrimoniali | Divorzio breve | Applicazione delle norme sul divorzio allo scioglimento delle unioni civili | Casistica |

 

Il divorzio è lo strumento giuridico attraverso il quale il nostro ordinamento consente ai coniugi di porre fine ad un matrimonio mediante lo scioglimento del medesimo, ove celebrato solo civilmente, oppure mediante la cessazione degli effetti civili del matrimonio c.d. concordatario, vale a dire quello religioso, al quale la legge dello Stato riconosce effetti civilistici, ove trascritto nei registri dello stato civile. Fino al 1970 non erano previste cause di scioglimento del matrimonio diverse dalla morte di uno dei due coniugi o dall'annullamento dell'atto matrimoniale, che consentiva e consente tuttora ai coniugi di cancellare il vincolo coniugale, facendone venir meno gli effetti fin dalla celebrazione del matrimonio: lo stesso veniva pertanto considerato legalmente indissolubile. È stata la l.1 dicembre 1970, n. 898 ad introdurre nel nostro ordinamento il divorzio (termine peraltro mai menzionato nella legge) e pertanto la possibilità di porre fine al coniugio allorquando la comunione spirituale e materiale tra marito e moglie non possa essere mantenuta o ricostituita. Una particolarità del sistema giuridico italiano è che i coniugi non possano ottenere direttamente il divorzio, e pertanto lo scioglimento definitivo immediato del vincolo, in quanto tale pronuncia deve e...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Multimedia

Multimedia

Su Divorzio: presupposti ed effetti

Divorzio breve
di Alberto Figone

Vedi tutti »