Bussola

Cognome

Sommario

Inquadramento | Acquisto del nome | Acquisto del cognome: figli nati nel matrimonio e fuori dal matrimonio | La trasmissione del cognome materno | La perdita del cognome | Casistica |

 

Il nome è il principale mezzo di identificazione della persona: esso è composto dal prenome (o nome di battesimo) e dal cognome e costituisce un elemento essenziale dell'identità personale dell'individuo, che riceve tutela costituzionale ai sensi dell’art. 2 Cost.. Il diritto al nome trova anche un espresso riconoscimento nell’art. 22 Cost. il quale stabilisce che nessuno possa essere privato del nome per motivi politici. La certezza e la stabilità del nome costituiscono un valore protetto dall’ordinamento, con l'evidente intento di salvaguardare l'interesse pubblico alla certezza di status ed all'agevole individuazione delle persone (Cons. Stato, 15 ottobre 2013, n. 5021). Non sono invece riconosciuti i predicati nobiliari, salvo che, facendo ormai parte del cognome, non abbiano nel tempo assunto la funzione di identificare la persona. L'art. XIV delle disposizioni transitorie e finali della Costituzione dichiara, infatti, che «I titoli nobiliari non sono riconosciuti». A questo primo comma ne segue però un secondo, a termini del quale i predicati dei titoli già esistenti prima del 28 ottobre 1922 valgono come parte del nome. È questa la c.d. “cognomizzazione” del predicato nobiliare, e cioè il fatto che il predicato nobiliare è divenuto parte del cognome e come tale è sottop...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento