Bussola

Assegno di mantenimento per il coniuge

04 Giugno 2015 |

Sommario

Inquadramento | La non addebitabilità della separazione | Rapporti tra domanda di addebito e fase presidenziale | La mancanza di redditi adeguati | Il tenore di vita | La convivenza more uxorio dell’avente diritto all’assegno e dell’obbligato | La valutazione comparativa delle posizioni economiche delle parti | Le altre circostanze | Segue: la capacità lavorativa delle parti | Aspetti processuali | Garanzie | Il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno |

 

L’assegno di mantenimento dovuto al coniuge in caso di separazione è considerata la  proiezione degli obblighi di mantenimento reciproci derivanti dal matrimonio (art. 143 c.c.) nonché estrinsecazione del generale dovere di assistenza materiale, che permane anche dopo la cessazione della convivenza: la separazione, infatti, instaura un regime che tende a conservare quanto più possibile gli effetti propri del matrimonio compatibili con la cessazione della convivenza e, quindi, con il tipo di vita di ciascuno dei coniugi (Cass. civ. sez. I, 20 febbraio 2013, n. 4178). Ai sensi dell’art. 156 c.c., dunque, il giudice, per stabilire se e in quale misura sia dovuto il contributo per il coniuge, deve compiere una serie di passaggi consequenziali: a) verificare la non addebitabilità della separazione al richiedente; b) valutare il tenore di vita in costanza di convivenza, che costituisce il parametro per l’inadeguatezza dei redditi del richiedente; c) accertare, comparativamente, le disponibilità economiche delle parti; d) valutare le altre circostanze che, ex art. 156 comma 2 c.c., ai fini della quantificazione in concreto dell’importo mensile dovuto. Si tratta di una serie di operazioni, certamente non solo aritmetiche, di per sé difficili ma rese ancora più complesse dai numerosi m...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Su Garanzie: ordine di pagamento diretto

Vedi tutti »