Bussola

Abuso sui minori

05 Giugno 2015 | ,

Sommario

Inquadramento | Profili penali | Aspetti processuali penali | La carta di Noto | La convenzione di Lanzarote | Istituti processuali | Profili civili: il ruolo del tribunale per i minorenni |

 

Un’evoluzione culturale (prima che dottrinale e giurisprudenziale) ha portato il nostro sistema a identificare il minore come un vero e proprio centro di diritti autonomi, da difendere con forme sempre più attente e puntuali di tutela, e non più come un “oggetto” a disposizione degli adulti e ad essi subordinato. Il preminente “interesse del minore”, principio che da qualche decennio ormai permea le disposizioni, soprattutto di natura civilistica, in materia minorile, non è tuttavia estraneo all’ambito penale, dove il legislatore è più volte intervenuto per creare un sistema di tutele sempre più efficace nei confronti dei minori che siano vittime di abusi. Quest’ultimo termine può avere varie accezioni: si può parlare di abusi di natura fisica (violenze, maltrattamenti; si veda l’art. 572 c.p.); di abusi di natura psicologica; di abusi legati alla trascuratezza e all’abbandono di minori; di abusi sessuali. In tema di abusi sessuali – su cui in particolare ci si sofferma – è doveroso richiamare la riforma del codice penale introdotta con la legge n. 66/1996, la quale ha introdotto nel nostro ordinamento una tutela particolarmente rigorosa a vantaggio dei minori che siano vittime di tali abusi, prevedendo l’integrazione dell’attività di indagine della procura ordinaria con l’int...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento