News

Il Covid-19 sospende gli incontri padre/figli

17 Aprile 2020 |

Trib. Bari

Diritto di visita

Incontri padre/figli sospesi. Il Tribunale di Bari, con ordinanza del 3 aprile scorso, fissando l’udienza per il giudizio di separazione dei coniugi, ha disposto l’affidamento condiviso dei figli minori con collocamento privilegiato presso la madre. Sottolineando però la particolare situazione emergenziale dovuta alla diffusione del Covid-19 e «pur nel difetto di formale istanza in tal senso», il Giudice ha sospeso gli incontri dei bambini con il padre fintanto che tale emergenza non sarà superata.

 

L’interesse dei minori prevale sul diritto paterno. La decisione si fonda sull’interesse primario dei minori che deve sempre ispirare qualsiasi decisione giudiziale in materia. Come si legge nel provvedimento infatti «nel bilanciamento tra due diritti di natura costituzionale, ovvero quello alla tutela delle relazioni familiari sub specie dell’esercizio del diritto di visita del padre, che risponde all’interesse primario della prole a conservare con lui significativi rapporti affettivi ma anche a quello speculare del padre a godere sia dell’affetto che della presenza dei suoi figli con sé (art. 29 e 30 Cost.), e quello a tutela della salute dei minori (art. 32 Cost.), almeno in questo peculiare momento storico deve ritenersi assolutamente prevalente il secondo». In altre parole dunque il diritto paterno ad incontrare i figli viene considerato recessivo rispetto al primario interesse dei minori a non esporsi al rischio di contagio.
Il decreto riconosce comunque al padre il diritto di tenersi in contatto con i bambini seppur a distanza mediante sistemi di comunicazione quali telefonate, video chiamate, contatti via skype o altri mezzi telematici anche più volte durante la giornata. La madre è chiamata a favorire tali contatti attraverso tutti gli strumenti tecnologici possibili.

Leggi dopo