News

Alienazione parentale: la sindrome va accertata sempre con l’ascolto del minore

Il caso. La Corte di appello di Venezia confermava la decisione di primo grado, che, all’esito di due consulenze tecniche psicologiche, dichiarava la separazione giudiziale di due coniugi, respingeva la domanda di addebito della separazione al marito e disponeva l’affidamento del figlio minore in via esclusiva al padre, previo immediato allontanamento dalla casa, dove viveva con la madre, e collocazione dello stesso presso una comunità dedita alla cura e al sostegno dei minori per un periodo di 6 mesi.In particolare, secondo i giudici di seconde cure, i problemi caratteriali della madre e il suo comportamento avevano inciso nella diagnosi di alienazione parentale del figlio nei confronti del padre, avendo la prima attuato un progetto di esclusione del genitore alienato, mediante la sostituzione del padre biologico del figlio con il nonno materno, rilevando così una situazione di rifiuto da parte del minore verso il padre e ravvisando quindi una violazione del principio di bigenitorialità. Avverso questa sentenza la madre ricorreva per cassazione.

 

Sindrome di alienazione parentale accertata tramite l’ascolto del minore. Nell’accogliere il ricorso della donna e nel ribadire che va garantito il rispetto del principio della bigenitorialità, da intendersi quale presenza comune dei genitori nella vita dei figli, la Suprema Corte afferma che se un genitore denuncia comportamenti dell’altro genitore tesi ad allontanare il figlio da sé, indicati come vera e propria sindrome da alienazione parentale, il giudice di merito è tenuto ad accertarne la veridicità con i comuni mezzi di prova (incluso l’ascolto del minore) e a motivare adeguatamente detta decisione. In particolare, secondo i giudici di legittimità, nel provvedimento impugnato detto accertamento e motivazione sono mancati. Allo stesso modo, non risulta corretta e né adeguatamente motivata, la decisione di non ascoltare il minore, dato le norme in materia prevedono espressamente l’ascolto del minore nei procedimenti in cui devono essere adottati dei provvedimenti che lo riguardano. Essendo, peraltro, ultra-dodicenne, il minore avrebbe dovuto essere ascoltato e la sua audizione costituisce adempimento previsto dalla legge a pena di nullità, non essendo nemmeno sufficiente l'ascolto effettuato in sede di consulenza.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >