Giurisprudenza sovranazionale

Inutili le sanzioni pecuniarie se non viene rispettato il diritto di visita

28 Agosto 2017 | ,

Corte EDU

Diritto di visita

In tema di tutela del diritto di visita del minore, in ipotesi di comportamento ostruzionistico assunto da parte della madre, devono ritenersi inadeguate le eventuali sanzioni pecuniarie previste dagli ordinamenti interni per punire la mancanza di collaborazione. Nella specie le autorità nazionali, pur riscontrando che gli incontri con la figlia minore non potevano essere attuati, hanno di fatto limitato il diritto di vista del padre, assecondando il comportamento non cooperativo e la violazione di precedenti accordi dei genitori in sede di divorzio. Ne consegue che le decisioni nazionali hanno violato l’art. 8 CEDU, essendosi occupate esclusivamente delle modalità pratiche dell’esercizio del diritto di visita (non avvenuto per anni) e non del sostegno che le parti avrebbero dovuto ricevere gradualmente.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >