Giurisprudenza commentata

Minore nato all'estero da gestazione per altri: rinviata alla corte costituzionale la decisione sul riconoscimento dello status di filiazione

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

La Corte di Cassazione rimette alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale degli artt. 12, comma 6, l. 40/2004, 18 d.P.R. n. 396/2000, nonché dell'art. 64, comma 1, lett. g), l. 218/1995, nella parte in cui non consentono, secondo l'interpretazione attuale del diritto vivente – consolidatasi a seguito della sentenza delle Sezioni Unite n. 12193/2019 – la possibilità di riconoscere, ai fini della relativa efficacia in Italia, i provvedimenti giurisdizionali stranieri volti ad accertare lo status genitoriale del genitore d'intenzione, non biologico, nei confronti di un minore nato a seguito di gestazione per altri e, conseguentemente, il suo diritto ad essere riconosciuto come tale nell'atto di nascita straniero.

Leggi dopo