Giurisprudenza commentata

La consumazione del matrimonio come atto consapevole ai fini del c.d. divorzio diretto

21 Novembre 2018 |

Trib. Milano

Divorzio giudiziale

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Quando il matrimonio può dirsi consumato? In che misura rilevano l'elemento soggettivo (inteso come atto consapevole e volontario) dei coniugi e le modalità di esplicazione della libertà sessuale ai fini dell'inconsumazione del matrimonio, e quindi del divorzio c.d. diretto?

Leggi dopo

Le Bussole correlate >