Giurisprudenza commentata

È ammissibile la negoziazione assistita in caso di divorzio “diretto” previsto dalla legge straniera comune ai coniugi?

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Due coniugi, avvalendosi della procedura di negoziazione assistita, dichiarano di voler divorziare senza preventiva pronuncia di separazione come previsto dalla legge nazionale straniera comune a entrambi. Il PM nega l’autorizzazione all’accordo in quanto non rispondente all’interesse del minore. Il Tribunale di Torino nella pronuncia in commento spiega in base a quali presupposti deve ritenersi condivisibile il diniego del PM.

Leggi dopo