Focus

L'enunciazione delle liberalità come metodologia operativa nell'attività notarile

Sommario

Donazioni indirette: breve inquadramento | La funzione dell'expressio causae nell'attività notarile | L'expressio causae e la tutela dei legittimari | Valenza fiscale dell'expressio causae | Enunciazione successiva di liberalità pregresse | Enunciazione "successiva", durante la vita del donante, contenuta in atti inter vivos | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

In caso di donazioni indirette sottese ad un diverso negozio posto in essere tra i contraenti, parte della dottrina riconosce l'esplicitazione dell'intento liberale - expressio causae - quale metodologia operativa più corretta da seguire, non solo per l'esatta qualificazione della fattispecie sul piano degli effetti e della disciplina ma anche al fine di garantire una pianificazione trasparente del trapasso generazionale della ricchezza familiare. La riduzione delle donazioni indirette non mette in discussione la titolarità dei beni donati, di tal che l'expressio causae relativa non incide negativamente sul piano della circolazione dei beni.

Leggi dopo