Focus

Le misure dirette a rafforzare la tutela della vittima di maltrattamenti in famiglia

Sommario

Il quadro normativo | Segue: obbligatorietà dell’arresto in flagranza dei delitti di maltrattamenti (art. 572 c.p.) e atti persecutori (art. 612-bis c.p.). | Segue: la nuova circostanza aggravante della violenza assistita | Segue: misura pre-cautelare dell’allontanamento d’urgenza dalla casa familiare | Segue: obblighi di informativa verso la persona offesa ed il suo Difensore nella fase delle indagini preliminari | Segue: altre significative modifiche | In conclusione |

 

Gli autori analizzano le molteplici novità in materia di maltrattamenti introdotte dalla l. 1° ottobre 2012, n. 172, l. 9 agosto 2013, n. 94, l. 15 ottobre 2013, n. 119 (conversione del decreto sul femminicidio, d.l. 14 agosto 2013, n. 93) e il loro impatto sia nell’attività investigativa, sia nella fase dibattimentale, tenendo conto della ratio delle norme di nuovo conio; esse sono infatti dirette al rafforzamento della prevenzione degli episodi di maltrattamenti in famiglia e alla loro repressione, e si caratterizzano per la particolare e rinnovata attenzione alla vittima del reato.

Leggi dopo