Focus

La violenza assistita intrafamiliare da categoria psicosociale a norma di diritto

Sommario

Inquadramento del fenomeno | Gli effetti della violenza assistita sui minori | La difficile comprensione del fenomeno | Il quadro normativo | La violenza assistita come ostativa all’affido condiviso | La violenza assistita come vero e proprio maltrattamento | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

La violenza assistita è un fenomeno che coinvolge migliaia di bambini ogni giorno, in Italia come nel mondo. Il danno che essi ne ricevono è incalcolabile. Attraverso l’esame delle novità legislative e delle sentenze di merito e legittimità, viene illustrato il percorso attraverso il quale la violenza assistita da semplice categoria psicosociale è assurta a categoria del diritto con cui l’operatore deve sapersi confrontare anche alla luce della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul, 11 maggio 2011 ratificata con l. 27 giugno 2013, n. 77). La violenza assistita, sia come fattispecie penale rientrante nei maltrattamenti in famiglia, sia per i suoi effetti nei procedimenti riguardanti la responsabilità genitoriale (separazione, divorzio, procedimenti de potestate, etc.) ha trovato oggi ingresso in decisioni destinate, per la loro portata culturale, a rappresentare “un punto di non ritorno” nell'ottica di una sempre maggiore attenzione alla tutela dei minori, del loro interesse e della loro crescita al riparo da ogni forma di sopraffazione o di violenza.

Leggi dopo