Focus

La giurisprudenza del Tribunale di Milano in tema di autorizzazione al riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio

Sommario

Il riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio | Il nuovo testo dell'art. 250 c.c. | Le criticità della disciplina e la soluzione adottata dal Tribunale di Milano | In conclusione |

 

Il nuovo testo dell’art. 250 c.c. attribuisce al giudice - nel corso di un procedimento per l’autorizzazione al riconoscimento del figlio minore, in caso di mancato consenso dell’altro genitore che ha già effettuato il riconoscimento - il potere di assumere provvedimenti provvisori per instaurare una relazione genitoriale. In caso di accoglimento della domanda, la sentenza (che supplisce al mancato consenso) dispone pure in ordine al cognome del figlio, al suo affidamento e al contributo al mantenimento. Si pone peraltro un problema di coordinamento quando, a fronte di una sentenza positiva, l’interessato ritenga di non dar corso al riconoscimento, cui è stato giudizialmente autorizzato.

Leggi dopo