Casi e sentenze di merito

Non è azione di riduzione se il legittimario agisce per l’invalidità dell'atto lesivo

25 Agosto 2016 |

Trib. Salerno

Successione legittima

L’azione del legittimario può qualificarsi azione di riduzione nel caso in cui è diretta all’impugnazione di una donazione ovvero di una disposizione testamentaria (di cui non è in discussione la validità) per ottenere la parziale inefficacia di tali atti ai fini del conseguimento o del completamento delle porzioni di eredità; pertanto si è fuori dall’azione di riduzione quando emerga l’invalidità del negozio posto in essere dal de cuius non essendovi alcun atto da ridurre.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >